Restaurato il campanile della parrocchiale

Arborea, conclusi i lavori di ristrutturazione della chiesa del Cristo Redentore. Erano attesi da anni

ARBOREA. Da anni le campane, quelle vere, della chiesa parrocchiale non suonavano più. Tutto a causa del campanile che negli anni, aveva perso stabilità. Problema così serio che era stato anche posto il divieto di accesso alla torre. Ora potranno suonare di nuovo le campane del Cristo Redentore, la bella chiesa progettata dall’architetto Bianchi, consacrata nel 1929. Sono stati completati, infatti, i lavori di recupero delle opere murarie del campanile.

Il Comune con poco meno di 60mila euro del proprio bilancio e un contributo regionale di 75mila, oltre al contributo della stessa parrocchia, ha portato a compimento un intervento di importante ristrutturazione che ha restituito splendore e funzionalità al campanile e alla facciata. I lavori hanno interessato una parte della copertura. È stata ripristinata la stabilità dei pilastri d’angolo su cui poggia la cuspide e ricostituito il rivestimento dei mattoncini rossi a vista.

«Tutte le parti degradate sono state recuperate, così come gli elementi decorativi e le gronde», ha dichiarato Davide Rullo, assessore ai Lavori pubblici. Grazie all’intervento della stessa parrocchia, sono stati poi terminati gli interventi tesi a rinnovare il sistema di movimentazione delle campane. Soddisfatta anche la Sindaca Manuela Pintus: «Siamo felici di avere realizzato un lavoro che da tanto tempo era atteso e sentito. La nostra parrocchia rientra pienamente nella disponibilità di tutta la comunità, in sicurezza e con un notevole miglioramento dell’estetica della facciata e del campanile. Un ringraziamento agli uffici comunali per il supporto e la costante attenzione dedicata al buon esito del procedimento. Un ringraziamento va poi a tutte le persone che con grande impegno, generosità e attenzione hanno lavorato e contribuito al raggiungimento di questo straordinario lavoro». (m.c.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes