A Bauladu si percorrono i Sentieri in transizione

Dal 15 al 18 la scuola estiva internazionale sull’energia che coinvolge oltre venti ragazzi

BAULADU. Oltre venti ragazze e ragazzi tra i 16 e i 30 anni provenienti da Sardegna, Centro e Sud Italia, Catalogna e Paesi Baschi, dal 15 al 18 luglio parteciperanno alla scuola estiva “Sentieri in transizione” organizzata da ReCommon. Il programma prevede laboratori, seminari, dibattiti pubblici, incontri letterari e proiezioni cinematografiche che hanno l’obiettivo di accrescere la consapevolezza sulle questioni energetiche, la giusta transizione, gli impatti sociali, ambientali e climatici connessi alla tematica. Un approfondimento sarà dedicato alle iniziative di autoproduzione energetica in chiave rinnovabile, con gestione collettiva e su piccola scala, anche mediante la presentazione di buone pratiche adottate in Sardegna e in Europa.

Il progetto intende la scuola come attività da costruire con i giovani coinvolti, volta alla promozione della trasformazione della società orientata alla sostenibilità ambientale, alla costruzione di percorsi di autodeterminazione e di ridefinizione degli spazi democratici di partecipazione, in una prospettiva di condivisione con le realtà locali. Le attività, che si svolgeranno nel Centro culturale prevedono giovedì alle 21.30, la sfida di poesia performativa “Decolonizzare l’immaginario” in collaborazione con Caralis Poetry Slam; venerdì 16 alle 21.30, la presentazione del libro “Come si fa una comunità energetica” a cura di Marco Mariano, con la partecipazione di Giuseppe Tebano, in collaborazione con la cooperativa Ènostra; sabato 17 alle 21.30 la proiezione del film “L’agnello” di Mario Piredda; domenica 18, alle 9.30 ci sarà la presentazione dei risultati dei laboratori e, in serata, alle 21.30, la conclusione con la proiezione di “The man of trees” di Tore Manca. Maggiori informazioni sul sito internet www.recommon.org e scrivendo alla mail info@recommon.org

WsStaticBoxes WsStaticBoxes