Neoneli botta e risposta sui servizi

La minoranza accusa il sindaco, che replica, sui mancati lavori al cimitero

NEONELI. I servizi igienici del cimitero sono finiti sotto chiave dopo la denuncia sullo stato di trascuratezza fatta dal consigliere di minoranza Giorgio Magario.

Due giorni fa il capogruppo di “Solidarietà e progresso” ha lamentato lo stato indecoroso e la mancata manutenzione dei bagni e ha esortato il Comune a dare una sistemata.

Poche ore dopo, l'accesso ai locali è stato interdetto al pubblico per ragioni di sicurezza. Un provvedimento che a detta del sindaco era stato disposto svariati mesi prima.

«I servizi non sono agibili per via di problemi statici che dobbiamo sanare, motivo per cui sono stati chiusi», ha spiegato Salvatore Cau, il quale si è mostrato sorpreso nell'apprendere che, invece, i bagnetti fossero accessibili a chiunque .

«C'è una situazione di pericolo e diversi mesi fa ne avevamo disposto la chiusura. Mi meraviglia che qualcuno sia entrato», ha commentato Cau ipotizzando una negligenza degli addetti ai lavori.

Tutt'altra situazione ha descritto l'esponente dell'opposizione, che oltre a sollevare dubbi sul fatto che fosse stato impedito l'ingresso ai cittadini, ha accusato l'amministrazione comunale di aver deliberatamente ignorato il problema.

«In questi mesi i servizi igienici sono sempre rimasti aperti, tanto che ho fatto un sopralluogo su segnalazione di un'abitante che si è trovata nella necessità di usarli e che trovandoli in quelle condizioni ha desistito», ha affermato Giorgio Magario, secondo cui «le lesioni riscontrate non costituiscono un pericolo per l'incolumità pubblica perché non sono di natura strutturale, però impediscono alle persone di utilizzare un servizio. Si tratta d'incuria, è mancata la manutenzione ordinaria».(mac)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes