Mancano i politici locali, ma la solidarietà è tanta

ORISTANO. «È paradossale trovarsi a dover difendere un sindacalista accusato di aver svolto il suo compito ovvero denunciare i problemi». La solidarietà al dottor Giampiero Sulis arriva dal...

ORISTANO. «È paradossale trovarsi a dover difendere un sindacalista accusato di aver svolto il suo compito ovvero denunciare i problemi». La solidarietà al dottor Giampiero Sulis arriva dal segretario provinciale del sindacato anestesisti Aaroi-Emac Giuseppe Obinu. Non è l’unico sindacalista a partecipare al sit in organizzato a seguito del deferimento alla commissione disciplina dell’Assl del rappresentante aziendale del Cimo. Ci sono infatti i confederali: Simone Spahiu, segretario provinciale della Cgil Funzione pubblica; il suo omologo della Uil, Michele Zucca e Massimo Murtas, presidente di Anteas Cisl e il segretario del Siulp, Giuseppe Caracciolo. In prima fila c’è anche il segretario di Areas, Giampaolo Lilliu che oltre a schierarsi con il sindacalista sotto processo ha portato la protesta degli ex esposti amianto per l’accorpamento della Pneumologia del San Martino al reparto Medicina. C’è anche Francesco Carta, di Medicina Democratica, che nei giorni scorsi, oltre a esprimere solidarietà ha ricordato il costo in termini di vite umane di medici e sanitari che hanno affrontato la pandemia.

Tanti i medici a protestare, a partire dal presidente dell’Ordine, Antonio Sulis, ma anche associazioni di pazienti come “Le belle donne”. E poi la politica, con Tore Meli di Rifondazione comunista e Roberto Martani, dirigente regionale del Pd, che ha sottolineato la sua partecipazione «In qualità di cittadino», e il consigliere regionale 5Stelle Alessandro Solinas. Ci sono anche due sindaci con la fascia tricolore: Luigi Tedeschi di San Vero Milis che è anche vice-presidente del Distretto sanitario di Oristano, Alberto Pippia di Baratili San Pietro e la vicesindaca di San Vero Milis Daniela Zaru. Presenze qualificate, ma anche assenze evidenti, come quella di consiglieri e degli amministratori comunali di Oristano: da Palazzo degli Scolopi, infatti, non è arrivato nessuno. Degli altri consiglieri regionali del territorio poi nessuna traccia, probabilmente impegnati già per la loro attività politica di routine in consiglio regionale. (m.c.).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes