Unità d’Italia, le celebrazioni nel Montiferru

SCANO MONTIFERRO. Saranno due i Comuni del Montiferru, fra quelli colpiti dagli incendi di questa estate, a ospitare le tradizionali celebrazioni della Festa dell’Unità Nazionale e della giornata...

SCANO MONTIFERRO. Saranno due i Comuni del Montiferru, fra quelli colpiti dagli incendi di questa estate, a ospitare le tradizionali celebrazioni della Festa dell’Unità Nazionale e della giornata delle Forze Armate. A Sennariolo, alle 10.30, la cerimonia militare, che anche quest’anno avverrà in forma ristretta, si aprirà con lo schieramento di rappresentanze delle Forze Armate, della Polizia di Stato, della Guardia di Finanza, della Polizia Penitenziaria, del Corpo Forestale della Regione, della Capitaneria di Porto, dei Vigili del Fuoco e della Croce Rossa.

Il Prefetto Fabrizio Stelo, accompagnato dal sindaco di Sennariolo Giambattista Ledda e dal commissario straordinario della Provincia, Massimo Torrente, procederà poi alla deposizione della corona in onore ai Caduti. La celebrazione si concluderà con la lettura dei messaggi del Capo dello Stato e del Ministro della Difesa. Sarà presente anche una rappresentanza delle Associazioni combattentistiche e d’arma con i rispettivi gonfaloni. La cerimonia proseguirà alle 11.30 al Teatro comunale di Scano di Montiferro, dove lo storico Tino Melis e la dottoressa Valentina Marras terranno due brevi relazioni rispettivamente sul “Centenario del Milite Ignoto” e su “Covid e Spagnola: analogie e differenze”. A proposito di commemorazioni, il 2 novembre, il comandante provinciale dei carabinieri, Erasmo Fontana, ha deposto fiori sulle tombe di alcuni decorati al valore militare e al valore civile.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes