Ancora Campioni l’Atletico Aipd sul podio d’Italia

La squadra di Oristano ha rivinto il torneo di basket Per i dieci atleti con sindrome di down finale al cardiopalma

ORISTANO. Nuovo successo per l'Atletico Aipd Oristano: i ragazzi del coach Mauro Dessì domenica scorsa si sono infatti laureati per la seconda volta Campioni d'Italia di pallacanestro per atleti con sindrome di down, dopo la prima affermazione arrivata nel 2019. «Abbiamo ottenuto il massimo che potessimo ottenere – commenta coach Dessì – dopo un anno e mezzo di stop forzato per il Covid è stato tutto molto bello. Non ci aspettavamo un primo evento nazionale così presto, e quando ce l'hanno proposto l'abbiamo subito colto al volo, perché ci ha dato la possibilità di respirare una ripartenza». L'esperienza è stata un susseguirsi di emozioni. «La prima sensazione che mi va di condividere è stata la bellezza di riprendere l'aereo assieme ai nostri 10 ragazzi – rivela Dessì – sottolineo tutti e 10 perché dopo tutto questo tempo c'era il timore di perderne qualcuno per strada. Invece tutti hanno dimostrato grande voglia di ripartire e quando abbiamo annunciato loro l'evento erano entusiasti e desiderosi di affrontare il viaggio». Sul piano sportivo, poi, i risultati hanno premiato gli atleti oristanesi. «Non nascondo – ammette il coach – che è andato tutto oltre le previsioni. Venivamo soltanto da un mese e mezzo di allenamenti e non sapevamo cosa poterci aspettare dal confronto con altre realtà molto competitive. Ci siamo detti: “Andiamo e vediamo come va”. Ma per noi la vittoria era già partire e prendere l'aereo». Il campo ha però detto che gli oristanesi potevano giocarsela alla pari con le altre squadre. «È andata bene, sabato abbiamo giocato le due partite di qualificazione e siamo approdati in finale. La partita di domenica, poi, contro l'Anthropos di Civitanova Marche, è stata molto tirata. Ce la siamo giocata punto a punto. Potevamo anche perderla, perché fino al terzo quarto eravamo pari. Loro hanno vinto il primo quarto, noi il secondo, era un vero testa a testa. Nell'ultimo quarto abbiamo dimostrato di essere più squadra, e con un pizzico di fortuna l'abbiamo chiusa 29-23 contro un avversario molto forte che schierava 3 Nazionali. Io ho scelto di far ruotare tutti, in base alle proprie possibilità, e chiunque ha giocato, a prescindere dal minutaggio, ha dato il massimo. Posso dire che questa è stata la vittoria più bella». L'AIPD Oristano ha schierato Antonello Spiga, 45 anni di Oristano, Alessio Melis, 20 anni di Terralba, Cristiano Merella, 36 anni di San Gavino Monreale, Davide Paulis, 25 anni di Quartu Sant’Elena, Enrico Manunta, 45 anni di San Gavino Monreale, Fulvio Silesu, 46 anni di Marrubiu, Gabriel Lotta, 22 anni di Bonarcado, Gabriele Sella, 19 anni di Mamoiada, Gioele Accalai, 17 anni di Usellus, e Lorenzo Puliga, 23 anni di San Vero Milis, cui sono arrivati anche i complimenti social della Dinamo. Coach Dessì è stato affiancato dal suo vice, Alessandro Pilloni, mentre al seguito della squadra c'era anche il presidente Francesco Redaelli. Il Campionato italiano è organizzato dalla Fisdir, la Federazione italiana sport paralimpici degli intellettivo-relazionali e le gare sono state trasmesse in diretta streaming su Fisdir tv.

Paolo Camedda

WsStaticBoxes WsStaticBoxes