oristano
cronaca

Scarpette blu contro la violenza sulle donne

In occasione della giornata internazionale di giovedì, due iniziative di Fidapa e di Coldiretti


23 novembre 2021


ORISTANO. Dopo “Scarpette Rosse”, Oristano - Città della Ceramica – il 25 novembre si tinge di blu nella giornata internazionale dedicata alla lotta contro la violenza sulle donne. La sezione di Oristano della Fidapa e l’Associazione italiana Città della ceramica, hanno infatti organizzato l’evento “Scarpette Blu” . «Per sensibilizzare l’opinione pubblica sul dramma umanitario che ha colpito l’Afghanistan questa estate – si legge in una nota di presentazione – e le donne in particolare, attraverso la realizzazione di scarpette blu in ceramica dei maestri Manis e Pisu che, dopo la giornata dedicata, saranno consegnate ai negozi cittadini per l’allestimento di vetrine a tema». Sullo sfondo delle scarpette – simbolo della lotta alla violenza sulle donne, si esibirà il gruppo di ballo della Scuola di danza Milène di Oristano, quindi a seguire gli studenti del liceo Artistico realizzeranno delle estemporanee d’arte mentre quelli del liceo Classico daranno lettura a delle riflessioni. L’associazione “Le belle donne” si esibirà in un flash mob e saranno, inoltre, presentati altri lavori a tema, quadri, poesie e altri allestimenti a cura delle socie Fidapa Caterina Marra, Margherita e Terry Muscas, Simonetta Piras.

Sempre giovedì, ma al mercato Campagna Amica di viale San Martino, a partire dalle 9,30, il coordinamento Coldiretti Donne Impresa Oristano, guidato da Mariafrancesca Serra donerà una piantina fiorita ai consumatori del Mercato contadino. «L’iniziativa vuole centrare l’ attenzione sull’ importante tema della violenza sulle donne», siu legge in una nota.

«Vogliamo sensibilizzare l’ opinione pubblica - afferma Mariafrancesca Serra – contro ogni forma di violenza fisica, verbale e psicologica, che distrugge chi la subisce. Anche in Italia il fenomeno è in preoccupante aumento, con un femminicidio commesso ogni 72 ore». Doveroso, dunque, dare un segnale in occasione della Giornata internazionale promossa dall’Onu. «Ciascuno di noi ha un ruolo importante per invertire e bloccare quello che è divenuto un vero e proprio morbo della società – conclude Serra – La donazione simbolica di un fiore intende ricordare lediscriminazioni e violenze che vivono le donne nel lavoro, nelle famiglie, nella società tutta».

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.