oristano
cronaca

Secondo pontile, la Provincia dice sì alla Perlite

ORISTANO. L’esito era ampiamente prevedibile. La conferenza di servizi convocata dal Comune per decidere sugli interventi di adeguamento del secondo pontile di Torregrande, dove viene caricata sulle...


06 giugno 2022


ORISTANO. L’esito era ampiamente prevedibile. La conferenza di servizi convocata dal Comune per decidere sugli interventi di adeguamento del secondo pontile di Torregrande, dove viene caricata sulle navi la perlite proveniente dalla cava di Monte Arci, si è conclusa positivamente. Decisivo l’assenso degli uffici della Provincia, che ha concesso l’autorizzazione unica ambientale alla Imerys Sardinia Perlite per l’attività di stoccaggio e carico del minerale.

C’è stato quindi un ribaltamento di fronte, perché pochi mesi prima la Provincia aveva negato l’autorizzazione, a causa di alcune carenze nei documenti presentati. Le integrazioni dell’azienda hanno portato alla svolta. Sul secondo pontile, però, le aspirazioni del Comune sarebbero ben altre. Durante il suo mandato, fu Guido Tendas a chiedere che l’azienda spostasse le sue attività nel porto industriale, liberando così un’area da destinare a strutture di tipo turistico, in continuità con il vicino intervento dell’Ivi Petrolifera al primo pontile, su cui si attende entro poche settimane il pronunciamento definitivo della Regione.

Gli uffici comunali espressero il loro parere negativo nella pratica regionale per il rinnovo della concessione demaniale del pontile del 2014, che però si concluse con un rinnovo di sei anni. La concessione è scaduta a inizio 2020 e l’istruttoria per il rinnovo è in corso in Regione, sempre con il parere contrario del Comune. Questa sarà la partita decisiva per il futuro del secondo pontile, che diventa ancora più importante nel momento in cui il sindaco Lutzu ha annunciato il prossimo arrivo di finanziamenti per vari milioni, relativi a interventi fra il porticciolo e la foce. Interventi di riqualificazione che difficilmente potranno convivere con un molo per il carico e lo stoccaggio della perlite. (dav.pi.)

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.