Bimbo cade dal balcone al terzo piano

Era in casa. I medici dopo una prima Tac escludono lesioni interne. Sicuramente il ragazzino, 8 anni, ha diverse fratture

ORISTANO. Tragedia sfiorata ieri pomeriggio in pieno centro a Laconi. Un bimbo di otto anni è caduto dal terrazzo dell’appartamento al terzo piano nella stabile dove viveva con i genitori. L’urto al suolo è stato violento.

Subito soccorso, il bambino è stato prima assistitio da una ambulanza medicalizzata, poi vista la delicatezza della situazione, i medici hanno attivato il servizi di eliambulanza del 118, che atterrato al campo sportivo ha caricato il bimbo e lo ha portato in pochi minuti all’ospedale Brotzu di Cagliari.

Il bimbo non sarebbe in pericolo d i vita. La tac effettuata dai medici dell’ospedale avrebbe evidenziato, secondo le prime indiscrezioni, solo alcune fratture. In ogni caso i medici del Brotzu, come da prassi in questi casi, si sono riservata la prognosi.

L’incidente è accaduto verso le 16. Il bimbo stava giocando nel balcone di casa quando, per cause ancora da accertare in dettaglio, si è sporto troppo ed è caduto di sotto. Per fortuna che l’abitazione si affacciava sul corso del Paese, il corso Garibaldi, e si trovava nelle vicinanze di un bar.

E proprio due avventori del bar, arrivando nel locale, hanno visto quasi cadere dal cielo il bimbo, e dopo aver verificato che fosse ancora vivo hanno subito dato l’allarme, chiamando sia i carabinieri che il 118.

Immediato l’arrivo dei medici e dei soccorritori. Il bimbo da subito ha risposto positivamente alle domande dei medici e su loro richiesta, pur senza muoversi, ha fatto cenno di sentire gli arti inferiori e superiori, e poi li ha mossi quasi impercettibilmente. Un segno giudicato più che confortante dai medici che hanno comunque ipotizzato una situazione della massima gravità. Appena arrivato l’elicottero dell’Areus, il bimbo è stato delicatamente e con la massima attenzione caricato sulla ambulanza e condotto al campo sportivo, dove poi è stato issato a bordo del mezzo subito decollato alla volta di Cagliari.

Ai carabinieri della stazione del paese il compito di accertare le ragioni dell’incidente. In quel momento in casa, insieme al bambino c’era la madre, impegnata nelle faccende di casa e che non si sarebbe accorta di nulla. Dopo la caduta ci sono state scene di disperazione da parte della madre, a stento calmata dai soccorritori.

Il bimbo rimarrà in rianimazione al Brotzu per alcuni giorni e le sue condizioni saranno monitorate costantemente. Saranno eseguiti nelle prossime ore nuovi accertamenti per escludere definitivamente lesioni interne.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes