Un solo positivo, le scuole ripartono in sicurezza

A Laconi resta però alto l’allarme per i contagi nel resto della popolazione anche se il dato è in calo

LACONI. Sono regolarmente riprese le lezioni per gli alunni della scuola dell’infanzia e della scuola primaria dopo il riscontro nei giorni scorsi di alcuni casi di positività al covid. Una ripresa in sicurezza per gli allievi che, domenica mattina, sono stati sottoposti a uno screening generale organizzato dall’amministrazione comunale. A seguito dei controlli è emerso un unico caso di positività. Se questa è senza dubbio una buona notizia, d’altro canto va segnalato che il virus continua a circolare in paese, dove si riscontrano molti più casi rispetto allo scorso anno ma, probabilmente anche a seguito del completamento del ciclo vaccinale per gran parte della popolazione, la maggior parte delle persone contagiate risulta essere asintomatica o con pochi sintomi.

Dall’ultimo bollettino diramato dal Comune risultano ufficialmente 14 casi. Un dato che fa ben sperare perché «dopo giorni di crescita dei contagi – ha spiegato il sindaco Salvatore Argiolas – ieri a Laconi le negativizzazioni superano le nuove positività. Da giorni assistiamo a una diminuzione dei casi di positività e speriamo che questa tendenza continui nei prossimi giorni» conclude il primo cittadino.

Sono Segnali certamente incoraggianti, ma è vietato abbassare la guardia ed è raccomandata ancora la massima prudenza nei comportamenti e il rispetto rigoroso delle regole. I dati, infatti, segnalano alcuni primi cittadini potrebbero essere sottostimati. «Il tracciamento sta funzionando male, i sindaci vengono lasciati soli e possono contare solo sul buonsenso dei cittadini che si auto-segnalano quando risultano positivi», denuncia Salvatore Argiolas.

Stessa situazione anche a Genoni dove si fa appello al senso di responsabilità dei cittadini. «Vista la difficoltà dell’Ats a inserire i dati in tempo reale sul portale – scrive il sindaco Gianluca Serra – attualmente il Comune non è nelle condizioni di fornire comunicazioni attendibili concernenti il numero reale dei cittadini positivi. Ad oggi risultano ufficialmente sempre tre casi e, chiaramente, il dato è ampiamente sottostimato. Al fine di garantire una adeguata gestione del servizio di raccolta rifiuti covid, si invitano i cittadini positivi ad autodenunciarsi al Comune».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes