La Nuova Sardegna

Oristano

Motocross

Sarà un marzo mondiale sulle dune di Riola Sardo

di Paolo Camedda
Sarà un marzo mondiale sulle dune di Riola Sardo

Il 25 e il 26 la prima tappa del Gran Prix di motocross

22 gennaio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Riola Sardo Sebbene in extremis, alla fine l’attesa buona notizia è arrivata nei giorni scorsi tramite l’assessore regionale al Turismo Gianni Chessa: il crossodromo Le Dune di Riola Sardo, il 25 e il 26 marzo prossimi, ospiterà il Grand Prix di Sardegna del Campionato Mondiale di Motocross 2023. Per il paese e tutto il territorio dell’Oristanese si tratta di un evento destinato a portare beneficio all’economia locale grazie all’atteso afflusso di presenze in periodo di bassa stagione. Tanto più che nell’edizione di quest'anno, oltre al MXGP e al MX2, Riola Sardo ospiterà anche le gare dell’Europeo 250 e del Mondiale femminile, e per questo, legittimamente, amministrazione e organizzatori si attendono grandi numeri. Rispetto allo scorso anno, poi, non ci saranno più le limitazioni legate alla pandemia.

L’organizzazione dell’evento sarà curata come sempre dal Motoclub Motor School Riola, con il supporto della Regione e della società promotrice della manifestazione, Infront Moto Racing. «Abbiamo abbassato il prezzo dei biglietti proprio per favorire le presenze – dichiara il presidente del Motoclub Motor School Riola, Fulvio Maiorca –. Vedere le gare la domenica costerà 35 euro, mentre il sabato appena 20 euro e i bambini sotto i 12 anni non pagano. Sono prezzi molto popolari se confrontati con quelli delle altre tappe. Per chi ama il motocross è un’occasione unica di vedere i campioni della disciplina in azione nella prima gara europea, che si correrà dopo la prima tappa in Argentina. Ci piacerebbe perciò avere una bella cornice di pubblico».

Fulvio Maiorca chiama a raccolta tutti i sardi: «Nel calendario del Mondiale anche quest’anno c’è la bandiera dei Quattro mori. Sarebbe bello che i sardi mostrassero orgoglio per ospitare un Campionato del Mondo e venissero in tanti a Riola per passare un fine settimana diverso. Questo è quello che ci auguriamo tutti noi organizzatori. E naturalmente l’invito è esteso anche ai tanti tifosi della penisola, considerati anche i costi bassi dei biglietti rispetto alle altre tappe mondiali. Vedere tanta gente per noi sarebbe una soddisfazione che ci ripaga dei sacrifici che facciamo».

Soddisfazione è espressa anche dall’amministrazione comunale, presieduta dal sindaco Lorenzo Pinna: «La Regione ha capito che sarebbe stato un peccato perdere il Mondiale di Motocross. Ospiteremo la prima tappa europea, per cui possiamo dirci doppiamente orgogliosi. Settantadue paesi nel mondo vedranno il nome di Riola e della Sardegna». Anche il primo cittadino si augura un boom di spettatori, e già adesso sono presenti molti team e piloti. «È da più di un mese che fanno i test qui e pernottano nel territorio – racconta Pinna –. Ogni giorno c’è un via vai continuo dei team, nei locali vedi ogni giorno piloti e componenti della carovana».

Fulvio Maiorca conferma: «Parliamo di almeno mille persone fra piloti, famiglie e staff, ora confidiamo nel pubblico». I benefici dell’evento sportivo sono destinati a ricadere sull’intero Oristanese. «Non possiamo ospitare tutti a Riola – dice il sindaco – quindi è chiaro che sia i piloti e il loro staff, sia i tifosi quando arriveranno per vedere la gara, alloggeranno anche a Oristano nei paesi limitrofi. A noi fa grande piacere».
 

In Primo Piano
La flotta

Antincendio: «In 15 minuti l’elicottero arriverà ovunque nell'isola»

di Luigi Soriga

Video

Processo Grillo, Corsiglia si difende in aula: «Nessun abuso, con la ragazza un rapporto sessuale»

Le nostre iniziative