La Nuova Sardegna

Oristano

L’iniziativa

Manu Invisible colora la Pediatria dell’ospedale di Oristano


	Manu Invisible con la sua consueta maschera al lavoro in pediatria
Manu Invisible con la sua consueta maschera al lavoro in pediatria

L’artista internazionale all’opera per trasformare in opera d’arte le pareti della sala di aspetto del reparto

05 settembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Oristano Il reparto di Pediatria dell’ospedale San Martino cambia volto e lo fa con un tocco d’arte che sarà quanto mai gradito ai bambini che vi soggiorneranno. Stamattina, martedì 5 settembre, ha infatti iniziato a lavorare con i suoi pennelli un nome di spicco del panorama della street art internazionale ovvero Manu Invisible. Per prima cosa ha dipinto lo sfondo blu, sul quale presto prenderà forma un grande acquario cromatico. Tanti pesci colorati nuoteranno sulle pareti del reparto per trasmettere gioia e serenità ai piccoli pazienti. Il lavoro di Manu Invisibile nella sala di attesa del reparto durerà una settimana.

L’iniziativa sostenuta da Patrick Abbate, leader del gruppo musicale Patrick&Friends, da sua moglie Staley Abbate e dall’associazione Belle Donne di Oristano, presieduta da Maria Cadeddu, rientra in un progetto più ampio di creazione di un percorso visivo e sensoriale che vuole migliorare l’accoglienza dei piccoli pazienti e rendere meno traumatico per i bambini l’arrivo in ospedale.

L’artista racconta di essersi «ispirato a quello che si vede nelle vetrate della luminosissima sala d’aspetto per scegliere il tema della mia opera. Sono costellate di animali marini, provenienti dall’ambiente acquatico. Presto la scala cromatica del blu, del mare, lascerà spazio a quella dell’arcobaleno, ossia a tutti i colori che abbiamo sempre attorno ai nostri occhi, nella vita reale. Colori, che abbracceranno lo spirito di terrore dei bambini, legato all’ambiente ospedaliero, e lo capovolgeranno. Si creerà una prospettiva di speranza proprio per i più piccoli».

A salutare Manu Invisibile e a ringraziarlo per la sua opera artistica gratuita nel reparto di pediatria del San Martino anche il direttore generale e il direttore sanitario della Asl 5 di Oristano, il dottor Angelo Maria Serusi e il dottor Antonio Maria Pinna, che hanno detto: «È un bel progetto di solidarietà, legato all’arte, che entra nel nostro ospedale e ben si inserisce nella crescita costante del reparto di pediatria, in fatto di numeri, servizi offerti, ma anche di gradimento da parte dei piccoli pazienti e delle loro famiglie».

La dottoressa Enrica Paderi, che dirige il reparto, ha affermato: «Oggi una bella ventata di colore, allegria e gioia entra nella nostra pediatria. Questa sala d’aspetto diventerà un mondo magico. E nel nostro reparto c’è bisogno di tanta magia. I bambini devono vivere in un mondo più possibile magico ed è compito nostro renderglielo tale».

Tutto ciò rientra nell’ambito di un progetto di solidarietà che a luglio a Torregrande aveva visto il suo culmine con il concerto dei Patrick & Friends, sostenuto dall’associazione Belle Donne di Oristano. La conseguente raccolta fondi per il reparto di Pediatria del San Martino è servita per l’acquisto di un nuovo macchinario e, per l’appunto, per renderne più accoglienti gli ambienti. Missione affidata ora alle mani e all’arte di Manu Invisibile. «Abbiamo voluto fare qualcosa di concreto per la Pediatria», ha detto Patrick Abbate, cui hanno fatto seguito le parole di Maria Cadeddu referente delle Belle Donne: «Siamo donne, ma anche madri e per questo abbiamo bisogno di un reparto idoneo e accogliente per i nostri figli, che può contare su grandi professionisti, che ci lavorano».

In Primo Piano
Il caso

Siniscola, Giovanni Bomboi dopo gli spari al Consorzio: «Ero esasperato, sono pentito. Non volevo ferire nessuno»

di Sergio Secci
Le nostre iniziative