La Nuova Sardegna

Oristano

Istruzione

Andrea Santucciu nel consiglio direttivo dell’università di Oristano

di Enrico Carta

	Andrea Santucciu nuovo componente del consiglio direttivo del Consorzio Uno
Andrea Santucciu nuovo componente del consiglio direttivo del Consorzio Uno

Nominato dal sindaco Massimiliano Sanna, sostituisce la dimissionaria Pupa Tarantini nel Consorzio Uno che gestisce i corsi di laurea dell’ateneo

25 ottobre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Oristano Cambiano i vertici del consiglio direttivo del Consorzio Uno, l’organo che gestisce l’università e i corsi di laurea dell’ateneo oristanese. Il sindaco Massimiliano Sanna ha infatti nominato Andrea Santucciu quale delegato del Comune. Prende il posto della dimissionaria Pupa Tarantini, che lascia l’incarico nel consiglio direttivo dopo pochi mesi dalla sua nomina. Il primo cittadino ha colto l’occasione per ringraziare Pupa Tarantini per il lavoro svolto e, contestualmente, ha augurato buon lavoro ad Andrea Santucciu che rappresenterà il Comune di Oristano all’interno di un ente ritenuto strategico nel sistema culturale e dell’alta istruzione a livello territoriale.

Andrea Santucciu ha 46 anni, è nato a Marrubiu, paese di cui è stato sindaco per dieci anni. Nel suo curriculum di studi ci sono la laurea in Lettere e filosofia, con specializzazione in Storia e società, e il dottorato in Studi storci contemporanei. Attualmente è professore di scuola superiore nel capoluogo.

L’incarico nel consiglio direttivo del Consorzio Uno avrà una durata pari a quella del mandato del sindaco Massimiliano Sanna. Prima di provare a incidere sulle strategie dell’ateneo oristanese, dovrà orientarsi nell’ambito di un contesto fondamentale per la cultura e la società oristanese, anche se spesso tenuto un po’ ai margini dalle attenzioni politiche. Qualche idea comunque Andrea Santucciu ce l’ha già: «Entro in punta di piedi e prima di tutto ho la necessità di valutare in maniera ampia il ruolo che ricopre il Consorzio Uno e quali capacità operative e di incidere possiede. Posso però dire che le specificità e l’unicità di alcuni corsi di laurea sono ciò che caratterizza l’università a Oristano e penso che la strada da imboccare sia proprio quella di implementare gli sforzi pensando proprio alle peculiarità del territorio. Ad esempio, l’archeologia e le produzioni agricole e alimentari sono tra queste».

In Primo Piano
L’allarme

Grosso incendio tra Riola Sardo e San Vero Milis: a fuoco terreni da pascolo e macchia mediterranea

Video

Impianti fotovoltaici in Sardegna: varata la norma che stabilisce i limiti nelle installazioni per i prossimi 18 mesi

Le nostre iniziative