La Nuova Sardegna

Oristano

In municipio

A Oristano è pronta a nascere la Consulta del terzo settore


	La riunione in Comune con i rappresentanti del terzo settore
La riunione in Comune con i rappresentanti del terzo settore

L’amministrazione comunale ha incontrato una parte degli esponenti del mondo del volontariato

01 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Oristano Nasce la Consulta del terzo settore. Questa mattina, venerdì 1° dicembre, il sindaco Massimiliano Sanna e l’assessora ai Servizi sociali Carmen Murru hanno incontrato i rappresentanti degli enti del terzo settore operanti nel territorio comunale. All’incontro erano presenti anche il presidente della commissione Servizi sociali e associazionismo, Roberto Pisanu e la dirigente comunale Valentina Tagliagambe. «È stato un incontro utile ad avviare un confronto sul regolamento della Consulta del Terzo settore che a breve vedrà la luce – ha spiegato il sindaco Massimiliano Sanna –. Abbiamo aperto un confronto utile e costruttivo i cui frutti si vedranno con la presentazione delle osservazioni e dei suggerimenti che arriveranno».

Lo scopo della Consulta lo ha riassunto l’assessora Carmen Murru: «È un obiettivo importantissimo per il ruolo che le associazioni assicurano in città in vari settori, dai servizi sociali all’ambiente, dallo sport alla cultura e al turismo, spesso collaborando a stretto contatto con l’istituzione comunale». Attraverso la Consulta, e con l’ausilio del regolamento, il Comune intende stabilire un nuovo modo di operare, ispirato alla cooperazione, capace di favorire la collaborazione tra l’istituzione pubblica e il mondo dell’associazionismo e nel caso specifico quello del terzo settore. Fino al 17 dicembre le associazioni possono partecipare alla fase di consultazione presentando osservazioni e suggerimenti a integrazione del regolamento, scrivendo all’indirizzo protocollo@comune.oristano.it Per le associazioni rimane sempre aperta la possibilità di iscriversi alla Consulta.

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative