La Nuova Sardegna

Oristano

Forestale

Pesca illegale di ricci, nuovo sequestro a Mandriola nella costa oristanese


	i ricci sequestrati
i ricci sequestrati

Dal Corpo di vigilanza ambientale

24 gennaio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Oristano Non si ferma il contrasto al fenomeno della pesca illegale, in particolare al prelievo del riccio di mare, da parte del Corpo Forestale lungo le coste dell’Oristanese.

La sera del 21 gennaio scorso, le pattuglie del Corpo Forestale della Base Navale di Oristano, della Stazione di Oristano e del Nucleo Investigativo dell’Ispettorato, hanno accertato in località “Mandriola” (borgo marino appartenente al Comune di San Vero Milis) la presenza di due uomini intenti a pescare in un basso fondale. Da un’attenta osservazione da terra era evidente fossero intenti alla raccolta dei ricci di mare; pertanto, atteso che uscissero dall’acqua, venivano sottoposti ad un controllo durante il quale veniva accertato che avevano raccolto circa trecento ricci a testa. Poiché la pesca del riccio è riservata ai pescatori professionisti (specificamente autorizzati) e solo tra le 6 e le 14 ai due pescatori abusivi (entrambi residenti nell’Oristanese), veniva contestato l’illecito amministrativo, applicando loro la sanzione amministrative del pagamento di duemila euro a testa.

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative