La Nuova Sardegna

Oristano

L’evento

Basket e inclusione in una sola parola, a Mogoro si gioca il baskin

di Paolo Camedda

	Una partita di baskin, il basket inclusivo
Una partita di baskin, il basket inclusivo

Domenica 4 febbraio il primo raduno regionale della nuova disciplina che unisce la pallacanestro e la socialità

28 gennaio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Mogoro Il baskin, il basket inclusivo, approda anche in Sardegna. Domenica 4 febbraio, al Pala Dessì di Mogoro è in programma il primo raduno regionale. La disciplina è concepita per la pratica da parte di tutti. Le squadre sono miste e composte da persone con o senza disabilità, fisica o psichica; da maschi e da femmine; da esperti di sport e meno esperti; da persone con competenze tecniche elevate o del tutto mancanti. «Questo sport, nato nel 2001, è diffuso nel Nord Italia dal 2006, ma è riconosciuto ufficialmente soltanto dal 2019 – spiega Giacomo Orrù, uno dei coach del Baskin Mogoro –. È agonistico, è ispirato alla pallacanestro e ha come obiettivo quello di generare inclusione. Le regole sono particolari e pensate per adattarsi ai ruoli diversi dei giocatori. Si rivolge soprattutto a quelle persone che hanno il diritto di essere incluse nella società senza avere o trovare barriere che ne limitino la libertà di espressione o barriere architettoniche insormontabili».

Come il basket, il baskin ha come obiettivo segnare più punti della squadra avversaria. «In Lombardia, Emilia Romagna e in Veneto è già molto diffuso, ci sono tante società e si giocano campionati con più gironi – sottolinea Giacomo Orrù –. Qui in Sardegna ha preso piede durante il periodo del covid, nel 2019-20, quando alcune persone di Sassari hanno fatto dei corsi e sono diventate formatori, creando una loro squadra, l’Abilità asd. Io e il mio collega Gianluca Mura, con cui alleno il Basket Mogoro, ci siamo avvicinati alla disciplina lo scorso anno e abbiamo fatto anche noi un corso. Con la società abbiamo deciso così di attivare anche la categoria baskin».

Da quel momento è partito il progetto: «La scorsa estate ho fatto corsi gratuiti di baskin nel campetto all'aperto di Mogoro e da settembre ci siamo affiliati all'Eisi, l'Ente italiano sport inclusivi. Siamo partiti ufficialmente e attualmente abbiamo diciannove tesserati, che vengono, oltre che da Mogoro, anche da Oristano, Marrubiu, Senis e Ales».

L’evento del 4 febbraio è organizzato dalla segreteria regionale dell’Eisi e dal Basket Mogoro, che si occupa degli aspetti pratici. Si parte alle 11 con la presentazione del baskin e degli altri sport inclusivi dell’Eisi, che lo promuove. I relatori saranno il dottor Simone Carmelita e la dottoressa Cinzia Sanna. Successivamente, dalle 13 alle 15.30, è in programma la pausa pranzo, mentre dalle 16 alle 18 si passerà all’azione: al Pala Dessì si terrà infatti la prima partita di baskin in terra sarda fra la società di casa, il Baskin Mogoro, e l’Abilità Asd di Sassari.

Elezioni regionali 2024
Il voto

Elezioni regionali, i dati sull’affluenza alle 12: 18,4 per cento

Le nostre iniziative