La Nuova Sardegna

Oristano

Sicurezza

Droga e cartucce, doppia denuncia per una coppia di Siamanna

di Enrico Carta

	Una pattuglia dei carabinieri
Una pattuglia dei carabinieri

Operazione dei carabinieri per limitare il traffico di stupefacenti: al lavoro anche le unità cinofile. Le due persone sotto indagine hanno precedenti penali

08 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Siamanna In mezzo alla droga, spuntano anche le armi e i guai per due vecchie conoscenze delle forze dell’ordine diventano più grandi. Venerdì pomeriggio, nell’ambito dell’intensificazione delle attività di prevenzione e repressione dei reati disposti dal Comando provinciale, i carabinieri hanno svolto un servizio coordinato su buona parte del territorio di competenza della Compagnia di Oristano. I controlli straordinari e le attività di polizia avevano, come sta accadendo in queste ultime settimane, degli obiettivi ben chiari per la prevenzione e la repressione del traffico illecito di sostanze stupefacenti soprattutto tra i giovani. Sono state controllate le strade che uniscono il capoluogo a svariati comuni della provincia, buttando un occhio più attento su determinate zone periferiche in cui c’era il sospetto che si concentrassero attività illecite.

A Siamanna, gli uomini dell’Arma coadiuvati dalle Unità Cinofile dello Squadrone carabinieri eliportato dei Cacciatori di Sardegna hanno fatto centro. L’operazione si è infatti chiusa con una doppia denuncia a piede libero per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e per detenzione abusiva di armi e munizioni. A finire nei guai sono un 48enne e una 37enne, entrambi di Siamanna ed entrambi con qualche problemino passato con la giustizia. Durante la perquisizione in casa e nella macchina che hanno in uso, sono stati trovati 28 grammi di marijuana e poco più di un grammo di cocaina, droga già suddivisa in dosi. Segnale che potrebbe esserci stata un’attività di spaccio è il fatto che i due avessero un bilancino di precisione e del materiale per il confezionamento in dosi dello stupefacente.

La perquisizione ha però portato anche a scoprire che i due avevano con sé cinquanta cartucce calibro 22 e cinque cartucce calibro12, pur non avendo il porto d’arma. Da qui la denuncia con la doppia contestazione, mentre le operazioni per la sicurezza nel territorio effettuate dai carabinieri con il supporto dei Cacciatori di Sardegna non si fermeranno in queste giornate a ridosso delle festività pasquali, che erano state ritenute ad alto rischio. La stagione estiva che si avvicina, non sarà da meno.

In Primo Piano
Baronia

Spari nella sede del consorzio di bonifica di Siniscola, il consigliere comunale Giovanni Bomboi è ricercato dai carabinieri

di Sergio Secci
Le nostre iniziative