La Nuova Sardegna

Oristano

L’iniziativa

Parrucche in regalo alle pazienti oncologiche dell’ospedale di Oristano


	La donazione delle parrucche al San Martino
La donazione delle parrucche al San Martino

Prima tappa del progetto regionale promosso dalla Rete dei parrucchieri sardi

23 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Oristano Questa mattina, martedì 23 aprile, nel day hospital oncologico oristanese dodici pazienti, con la consulenza ed il supporto dei parrucchieri volontari, hanno potuto scegliere, indossare e ricevere in dono le parrucche che le aiuteranno a superare meglio l’impatto emotivo causato dall’alopecia legata agli effetti della chemioterapia. È un’attività che ha trasformato, per una mattinata, un ambulatorio in una sorta di salone di bellezza dove le donne, confrontandosi con i consulenti, hanno potuto vivere un momento di serenità e spensieratezza. Ha fatto così il suo esordio nell’Unità operativa di Oncologia dell’ospedale San Martino il progetto regionale promosso dalla Rete dei parrucchieri sardi che prevede la donazione delle parrucche alle pazienti in trattamento chemioterapico.

«Il progetto, finanziato dall’assessorato regionale della Sanità, è nato da un attento lavoro di studio e selezione dei fornitori. Si tratta infatti di parrucche certificate e appartenenti a una linea specifica di prodotto elaborata per garantire la massima sicurezza e affidabilità a chi le indossa – ha spiegato Paola Piroddi, responsabile scientifica del progetto –. Attualmente in Sardegna la rete è costituita da circa cinquanta parrucchieri, con base a Mogoro, per cui è proprio da questa provincia, da questo ospedale e in questa giornata che abbiamo voluto inaugurare l’attività di distribuzione che continuerà nel tempo con altre iniziative analoghe».

«Si tratta di un bellissimo gesto, segno di attenzione nei confronti delle pazienti oncologiche – ha affermato il direttore dell’Unità operativa di Oncologia ed ematologia Luigi Curreli –. Il trattamento chemioterapico può avere un impatto emotivo non irrilevante sulle pazienti, e questo dono può aiutarle a vivere meglio un delicato passaggio della propria vita. Oltretutto la cuffia refrigerante che contrasta la caduta dei capelli, di cui la nostra struttura è dotata, non è adatta a tutte le pazienti, quindi la soluzione della parrucca può essere una valida alternativa».

Valentino Piras, referente della Rete dei parrucchieri, ha aggiunto: «Quello che facciamo è cercare di aiutare le donne che vivono questo difficile momento attraverso questo gesto che le aiuta a ritrovare il sorriso e a vedersi comunque belle, anche se l’aspetto fisico cambia . Il nostro obiettivo è comunque quello di ampliare la rete per poter raggiungere quante più persone possibile ed aiutarle così a vivere il percorso di cura con maggiore serenità». Per questo, i parrucchieri lanciano un appello a tutti i colleghi che volessero aderire, i quali potranno rivolgersi a loro, chiamando al numero 350 7580273. Oltre ad allargare la rete dei parrucchieri, il progetto mira anche a stringere collaborazioni con le associazioni locali che potranno sostenerlo sul territorio. Presente all’appello l’associazione Komunque Donne, che ha già offerto la propria disponibilità. «Abbiamo vissuto in prima persona e sappiamo cosa significhi perdere i capelli – ha detto la presidente Maria Luisa Albiero – per cui siamo onorate della richiesta e siamo pronte a collaborare all’iniziativa».

In Primo Piano
Allarme

Emergenza siccità, la Baronia come il Texas: asciutti anche i pozzi

di Alessandro Mele
Le nostre iniziative