La Nuova Sardegna

Oristano

L’evento

A Oristano il “Primo maggio in Contea” è a suon di musica. Sul palco anche Pino Scotto

di Caterina Cossu

	Una delle esibizioni degli anni passati di Primo Maggio in Contea
Una delle esibizioni degli anni passati di Primo Maggio in Contea

Torna in viale Repubblica la manifestazione per gli appassionati di rock. Le band sarde ancora una volta protagoniste della non stop

26 aprile 2024
4 MINUTI DI LETTURA





Oristano 1° maggio a ritmo di rock in Contea con un ospite d’eccezione: arriva infatti a scaldare orecchie e cuori di appassionate e appassionati Pino Scotto, una vera e propria icona del rock italiano. Si rinnova l’appuntamento con la Festa dei lavoratori nello spazio di viale Repubblica dove sarà allestito il palco accanto a uno dei punti ristoro che in città hanno fatto la scuola del panino e della musica dal vivo. È il terzo anno consecutivo per Primo Maggio in Contea, proposto dall'associazione culturale ricreativa Contea, in collaborazione con il Comune di Oristano e con il supporto della Fondazione di Sardegna.

L’evento apre la stagione musicale 2024 della Contea e, per dare la possibilità a tutto il pubblico di partecipare sfruttando le ore calde del pomeriggio di festa, sono previste attività coinvolgenti e intrattenimenti musicali adatti a tutte le età a partire già da mezzogiorno. Si apre con l’esibizione del Mago Marik, le selezioni della Gara del Piccante, il gazebo della birra artigianale locale del Birrificio BAM di Mogoro e tanta musica per accompagnare il pranzo. Presenta sul palco il conduttore Marco Attene, che dalle 14 accompagnerà le esibizioni delle band: la promessa è quella di musica di alta qualità durante tutte le fasi dell'evento, fino al gran finale con l’attesissimo Pino Scotto.

Primi sul palco The Wild Eyed, gruppo proveniente dalle influenti radici degli Hustlers, e che si portano appresso la storia del rock in Sardegna degli ultimi trent’anni. Vincitori recenti di Rock in Contea, durante la loro carriera hanno avuto l’opportunità e il riconoscimento di aprire concerti ad artisti di rilievo internazionale, con un suono che unisce classiche vibrazioni garage rock con elementi di punk e blues, creando una miscela unica che risuona con i fan di tutte le età. Spazio poi a A-Regeneration, formazione profondamente radicata nella scena metal di Oristano e da sempre legata all'evento di viale Repubblica da una loro grande amicizia. Nelle loro sonorità riecheggia una cultura musicale complessa che denota un percorso artistico impegnativo. Terza band sul palco, i vincitori del Rock in Contea 2022, i Reatzione, uno dei gruppi di spicco nella scena thrash metal sarda. Provenienti da Sassari, hanno guadagnato riconoscimento sia a livello locale che internazionale per il loro sound potente e i testi incisivi. Il loro ultimo album Tales of Grotesque riflette l’intensità e la qualità della loro musica, consolidando la loro reputazione come una delle band thrash metal più rispettate in Sardegna.

Gioca praticamente in casa poi la Patrick Abbate Band, gruppo omonimo del musicista oristanese, da sempre collaboratore e sostenitore di ACR Contea, già chitarrista di Juan Croucier nonché ex chitarrista dei Culprit, Black Sheep e tanti altri gruppi del panorama musicale internazionale. La band si distingue per una inconfondibile tecnica chitarristica e per composizioni articolate che toccano le corde dell'emozione. Con una carriera che gli ha dato la possibilità di sperimentare un’ampia panoramica di vari stili e correnti musicali, Patrick Abbate offre a Oristano un’esibizione dal sapore internazionale, evidenziando il valore e il rilievo della proposta culturale oristanese. Sarà poi la volta dei Black Code, co-organizzatori dell'evento e una delle colonne portanti della scena rock di Oristano, che si distinguono per il loro sound energico e coinvolgente, con un repertorio che spazia dall'hard rock al metal di ispirazione britannica degli anni 80 e 90.

Largo poi ai MegaherA, formati nel 2008 a Sassari e affermati come uno dei gruppi di spicco nel panorama heavy metal sardo. Il loro stile, che intreccia temi di guerra e fantasia, ha conquistato sia il pubblico locale che quello internazionale. Attorno alle 20 dunque è prevista la chiusura con Pino Scotto, che arriva a Oristano a un anno dall’uscita del suo ultimo disco, una raccolta dei suoi maggiori successi dal vivo “Live N’ Bad” del 2023. Pino Scotto chiuderà la giornata con il suo inconfondibile stile, fatto di energia travolgente ed esibizioni carismatiche, con un repertorio che spazia attraverso decenni di successi rock. Il suo impegno nella scena musicale non si è mai affievolito, rendendolo una figura duratura e un punto di riferimento per gli amanti del rock in Italia. L’organizzazione, durante la serata presenterà le prime anticipazioni sul calendario degli appuntamenti musicali del 2024, il regolamento e la modalità di iscrizione a Rock in Contea e tutte le novità stagionali in preparazione per il sito ufficiale conteaoristano.it.

In Primo Piano
Baronia

Spari nella sede del consorzio di bonifica di Siniscola, il consigliere comunale Giovanni Bomboi è ricercato dai carabinieri

di Sergio Secci
Le nostre iniziative