La Nuova Sardegna

Oristano

L’inchiesta

Un fiume bianco di cocaina, 49 indagati in provincia di Oristano

Un fiume bianco di cocaina, 49 indagati in provincia di Oristano

Sono 357 le contestazioni contenute nel decreto di fine indagine emesso dalla procura. Tantissimi gli episodi di spaccio che riguarda soprattutto Abbasanta, Ghilarza e Norbello. I riflettori degli inquirenti anche su Terralba e San Nicolò d’Arcidano

06 giugno 2024
4 MINUTI DI LETTURA





Abbasanta Le vie dello spaccio sembravano infinite e sicure per chi le praticava. Di certo erano molto ramificate. Percorrevano soprattutto le strade del triangolo Abbasanta, Ghilarza e Norbello, ma raggiunsero senza difficoltà in qualche occasione anche Oristano, San Vero Milis, Cabras, Budoni, Arborea, Macomer, Marrubiu, Selargius, Cagliari e con maggiore frequenza rispetto a queste ultime località Terralba e San Nicolò d’Arcidano. Cammin facendo, però, il via vai è stato notato, intercettato e ricostruito nell’avviso di fine indagine che ha colpito 49 persone a cui, a vario titolo, il sostituto procuratore Marco De Crescenzo che ha coordinato l’indagine attribuisce ben 357 contestazioni. Quasi tutte riguardano la cessione di sostanze stupefacenti, quasi sempre cocaina. Un fiume di polvere bianca con qualche aggiunta di marijuana e hascisc, ma ci sono anche quelle per il riciclaggio di un assegno da 350 euro e per tre furti commessi in una casa di Abbasanta.

A essere finiti nelle maglie dell’inchiesta sono Nicola Abis, 38 anni originario di Oristano e residente in provincia di Udine; Alessandro Atzeni, 33 anni di Ghilarza; Janes Atzeni, 44 anni di Oristano, Fabio Federico Baraglia, 34 anni di Iglesias; Ilenia Bicchiri, 33 anni di Ghilarza; Mario Sebastiano Cabiddu, 58 anni di Abbasanta; Alessio Calderisi, 28 anni di Ghilarza; Rubens Marco Carta, 33 anni di Ghilarza; Thomas Cherchi, 31 anni di Abbasanta; Gian Carlo Pietro Cossu, 56 anni di Ghilarza; Salvatore Deiana, 55 anni di Abbasanta; Agostino Deidda, 56 anni di Ghilarza; Massimiliano Deidda, 48 anni originario di Cagliari e residente ad Alghero; Francesco Deriu, 47 anni di Silanus; Davide Dettorino, 42 anni di Selargius; Nicola Dettorino, 46 anni di Cagliari; Camillo Garau, 26 anni di Terralba; Christian Garau, 34 anni originario di Pabillonis e residente a Terralba; Federico Ladu, 30 anni di Abbasanta; Francesco Raffaele Lai, 24 anni di Ghilarza; Andrea Masala, 27 anni di Terralba; Serafino Massidda, 49 anni di Ghilarza; Nicola Medde Doneddu, 47 anni di Norbello; Stefano Medde, 33 anni di Ghilarza; Lucio Mele, 52 anni di Norbello; Alessandro Mestroni, 48 anni di Norbello; Francesco Musu, 37 anni di Abbasanta; Gianfranco Oggianu, 56 anni di Milis; Massimo Oppo, 34 anni originario di Ghilarza e residente a Oristano; Marco Orsolino, 57 anni di Abbasanta; Antonio Perra, 54 anni di Abbasanta; Cristian Pili, 40 anni di Cabras; Emanuele Pinna, 52 anni di Abbasanta; Ivo Porcu, 49 anni di Borore; Andrea Putzulu, 46 anni di Ghilarza; Antonello Quirigoni, 47 anni di Macomer; Francesco Russo, 46 anni di Norbello; Alessio Sanna, 38 anni di Ghilarza; Fabrizio Adriano Sanna, 60 anni di Abbasanta; Ismaele Scano, 34 anni originario di Schio e residente a San Vero Milis; Maurizio Sedda, 54 anni di Ottana; Federico Solinas, 36 anni di Oristano; Gianfranco Soma, 47 anni originario di Trento e residente a Ghilarza; Aldo Soro, 28 anni di San Nicolò Arcidano; MAtteo Tugulu, 39 anni di Ghilarza; Carlotta Vargiu, 25 anni di San Vero Milis; Elvis Nicola Vargiu, 32 anni di San Nicolò Arcidano; Veronica Zucca, 33 anni di Ghilarza.

Tra di loro, per quanto le frequentazioni e gli scambi di stupefacenti fossero costanti, non esisteva una vera e propria organizzazione, sebbene qualche nome ricorra più volte di altri nel lungo elenco di reati contestati: sono quelli di Antonio Perra per la zona di Abbasanta, Ghilarza e Norbello e quello di Andrea Masala per Terralba, del quale gli inquirenti sono riusciti a recuperare persino la “contabilità” legata ai presunti traffici illeciti. C’è poi chi è finito nel calderone per un unico episodio e chi, oltre che per la cessione della cocaina, è finito nei guai anche per tre furti commessi a casa di un ultrasettantenne di Abbasanta: è il ghilarzese Alessandro Atzeni, che in un’occasione sarebbe stato aiutato da Ilenia Bicchiri.

I loro difensori, alcuni già nominati di fiducia, altri al momento solo d’ufficio, hanno ora venti giorni di tempo per predisporre e presentare memorie e indagini difensive. Sono gli avvocati Carlo Barberio, Cecilia Fa’, Sebastiano Atzeni, Andrea Deidda, Pier Luigi Meloni, Angelo Battista Marras, Anna Rita Violante, Rinaldo Saiu, Gianfranco Siuni, Giuseppe Luigi Cucca, Laura Sanna, Barbara Ibba, Emanuele Tuscano, Antonella Piredda, Giulio Sau, Carlo Figus, Andrea Crobu. A loro il compito di provare a smontare le accuse che poggiano le loro fondamenta su una lunga serie di intercettazioni, capaci di ricostruire giorni, luoghi e autori delle cessioni di droga, allarme sociale che ormai dilaga in maniera prepotente in tutto il territorio, con il Guilcier che sempre più spesso, negli ultimi anni, è al centro di importanti inchieste giudiziarie. (redazione di Oristano)

In Primo Piano
Il racconto

Fiamme tra Riola Sardo e San Vero Milis: a fuoco terreni da pascolo e macchia mediterranea

di Enrico Carta

Energia

Impianti fotovoltaici in Sardegna: varata la norma che stabilisce i limiti nelle installazioni per i prossimi 18 mesi

Le nostre iniziative