La Nuova Sardegna

Oristano

Il racconto

Fiamme tra Riola Sardo e San Vero Milis: a fuoco terreni da pascolo e macchia mediterranea

di Enrico Carta
Fiamme tra Riola Sardo e San Vero Milis: a fuoco terreni da pascolo e macchia mediterranea

Due roghi si sono accesi nel territorio tra San Vero Milis e Riola Sardo e, non troppo distante da lì, anche a Cabras nella zona di Is Aruttas. In fumo sono andati circa cento ettari

18 giugno 2024
3 MINUTI DI LETTURA





San Vero Milis Soffia il vento di scirocco e oggi martedì 18 giugno è la prima giornata campale sul fronte degli incendi in provincia, con due roghi che si sono accesi quasi contemporaneamente nel territorio tra San Vero Milis e Riola Sardo e, non troppo distante da lì, anche a Cabras nella zona di Is Aruttas. In fumo sono andati circa cento ettari, quasi tutti di terreni coltivati o comunque destinati all’agricoltura, ma anche con una notevole presenza di macchia mediterranea.

Per qualche attimo, nel caso dell’incendio di San Vero Milis, si è temuto che le fiamme potessero arrivare sino alla pineta di Is Arenas, distante appena mezzo chilometro dal fronte del fuoco che continuava ad avanzare in quella direzione e che si è fermato solamente nella zona dello stagno di Is Benas. Le prime colonne di fumo si sono levate attorno alle 13 nella località Pearba, nei pressi delle saline e non distanti dalla strada provinciale 10 che porta a Putzu Idu e alle altre località marine. Quando le squadre a terra dei vigili del fuoco e del corpo forestale hanno iniziato il loro intervento, l’incendio aveva già camminato parecchio inghiottendo, metro dopo metro, tutto ciò che trovava davanti e minacciando anche alcune proprietà in cui sono presenti delle case. Con lo scirocco che soffiava forte, l’apparato antincendio, coadiuvato anche da numerosi operai di Forestas e dai barracelli di San Vero Milis, ha incontrato moltissime difficoltà nonostante in volo si fossero levati anche due elicotteri. Decisivo è stato l’intervento dal cielo di un Canadair decollato da Olbia e capace di fare diversi sorvoli sulla zona per gettare l’acqua che ha dapprima limitato la furia del fuoco e poi l’ha spento definitivamente.

Le operazioni si sono concluse attorno alle 18.30 e, oltre alla campagna andata in cenere, sono stati registrati diversi disagi perché i carabinieri, per tutelare l’incolumità delle persone, hanno dovuto chiudere al traffico la Provinciale 10 che porta proprio verso le borgate marine del Comune di San Vero Milis e che, per diverse ore, è rimasta impraticabile. Mentre le forze dell’antincendio erano quindi impegnate nella località Pearba, un altro allarme è scattato a pochissimi chilometri da lì, nella zona di Muras, nei terreni che si trovano alle spalle della spiaggia di Is Aruttas, nel Comune di Cabras. La coincidenza poteva far pensare a un evento doloso, invece si è trattato di un rogo accidentale generato da una mietitrebbia. È stato l’agricoltore che la stava guidando ad accorgersi immediatamente delle fiamme e a dare l’allarme.

Anche in questo caso squadre dei vigili del fuoco, del corpo forestale e di Forestas, affiancate dai barracelli di Cabras e dai volontari dell’associazione Soccorso Sardegna Centrale, si sono precipitate sul luogo dell’incendio che non ha fatto molta strada perché è stato immediatamente reso disponibile il Canadair che già stava operando a San Vero Milis. I danni in questo caso sono limitati. (foto di Francesco Pinna)

In Primo Piano
Il caso

Riprendono le ricerche di Francesca Deidda: dopo il ritrovamento di accappatoio e byte dentale nella zona di San Vito in azione i sommozzatori

di Luciano Onnis
Le nostre iniziative