La Nuova Sardegna

Oristano

Imprese ed energia

Cantiere per costruire pale eoliche a Oristano, il ministero finanzia il progetto

di Ilenia Mura
Cantiere per costruire pale eoliche a Oristano, il ministero finanzia il progetto

05 luglio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Oristano Eolico offshore nel porto industriale di Oristano-Santa Giusta: anche il Governo è della partita. La notizia che il Ministero delle Imprese e del made in Italy, Mimit, ha dato il via libera al progetto “Oristano construction & assembly port” presentato al Consorzio Industriale provinciale da Seawind Italia Srl, arriva in seguito a un incontro avvenuto martedì scorso fra il delegato Invitalia Bernardino Federico, responsabile “Finanza agevolata e pianificazione industriale per l’Italia”, e Martin Jakubowski, direttore Seawind Ocean technology holding. «Oltre a essere stato valutato positivamente, è stato anche inserito nell’elenco dei progetti di massimo interesse strategico a livello nazionale», spiega Jakubowski, che è anche consigliere di Oristano Cap srl. Non solo, durante la riunione operativa, Invitalia ha confermato il finanziamento di un contributo che sfiora i 182 milioni di euro su un investitimento previsto di 330 milioni. Notizie considerate «positive» dalla società che ha deciso di puntare sulla Sardegna per creare un polo strategico e di riferimento dell’eolico “flottante” per tutto il bacino del Mediterraneo. E alle quali se ne aggiunge un’altra: il Mimit metterà a disposizione un team «per assistere al meglio al progetto Ocap». Intanto l’insediamento nella zona industriale procede con il deposito cauzionale di un milione e trecentomila euro, versati al Consorzio industriale provinciale di Oristano, per l’acquisto di 55 ettari di terreno nel porto. Primo step: riqualificazione dell’area con l’obiettivo di realizzare il più grande cantiere italiano dell’eolico offshore galleggiante.

In Primo Piano
L’appello

La mamma di Michael: «Non può essere svanito nel nulla, aiutatemi»

di Gianni Bazzoni
Le nostre iniziative