La Nuoro Softball pensa da grande

La presentazione della Nuoro Softball

Le ragazze nuoresi che disputano il campionato di Serie A presentate dalla società durante una conferenza stampa

 NUORO. Riprende il campionato nazionale di serie A1 e la Nuoro Softball, nonostante i risultati alterni della prima giornata, è pronta a giocare da protagonista.  Nella conferenza stampa di presentazione ufficiale del roster 2011 i dirigenti della società non hanno nascosto ambiziosi obiettivi. Anche se l'assenza dello sponsor crea una legittima apprensione: la Nuoro Softball si appresta ad affrontare una sfida che vedrà i dirigenti gestire un budget ristretto e le ambizioni di una squadra che alla presentazione ufficiale indossava il tricolore italiano al collo, segno importante di appartenenza nonostante i limiti di vivere in un'isola. Il team manager Antonello Scrugli ha voluto evidenziare la campagna acquisti che ha portato a Nuoro atlete che sono dei veri pezzi da novanta: le americane Lauren Lupinetti (due campionati in Giappone e due Coppe dei campioni con la Russia), Lindsey Meadows (titolare nella nazionale olandese) e Courtney Martinez, oltre a due giovanissime italiane come Sandra Chiera e Alice Parisi. Di assoluto prestigio le riconferme: Paola Cavallo, ormai considerata la più forte lanciatrice di scuola italiana, Ambra Collina, Federica Zicconi, Maria Marchesano, Loredana Spada, Ylenia Pisanu, Giulia Mele, Mayra Liori, Anna Podda, le due ceke Lucie Petraskova e Lenka Spurna e la veterana dirigente-giocatrice Stefania Cannas. «Riteniamo di poter disputare il campionato ad armi pari con tutte le squadre - ha dichiarato Scrugli - a dispetto di difficoltà che affronteremo passo passo».  Una macchina competitiva richiede una guida adeguata, così, dopo due anni da assistente, Kleyvert Rodriguez Cueto è a tutti gli effetti il manager della prima squadra assistito dal giovane nuorese Ignazio Ladu in qualità di coach. «Ho una grande squadra - ha dichiarato - Non ho paura di affrontare sfide importanti, miro in alto, la salvezza non mi basta».  Nella prima di campionato, ecco subito una grande: sul diamante di via Mannironi la Nuoro Softball ha ospitato il Legnano. Un grande pubblico ha accolto le due squadre. Nel suo turno d'attacco il Legnano con un fuori campo di Monica Verga ha messo a segno il primo punto. Ma fino al quinto inning è stato un susseguirsi di battute valide da entrambe le formazioni, senza l'occasione propizia di affondare il colpo decisivo ed arrivare a punto. Punti che invece sono arrivati per il Legnano nel finale, con una serie di battute valide valse un 10 a 0. La preparazione è ancora approssimativa ma è comunque emerso il valore di una squadra che ha i numeri per competere dignitosamente con qualsiasi avversario. In gara due inevitabile la voglia di rivalsa, con una Nuoro Softball caricata a dovere dal suo manager nell'intervallo. È così riuscita ad andare in vantaggio nei primi inning sul 3 a 0, risultato che è stato gestito fino al termine. Il Legnano, che non ci stava a perdere, è riuscito a mettere a segno appena due punti.  Intanto, al Teatro Civico di Sassari, la Nuoro Softball è stata premiata dall'Unione stampa sportiva italiana tra le eccellenze dello sport sardo, accanto al velista Andrea Mura, alla Dinamo, alla Torres calcio femminile, oltre a grandi personaggi come gli organizzatori del Trofeo Alasport di atletica leggera.
WsStaticBoxes WsStaticBoxes