La Nuova Sardegna

Omicidio di Alghero, arrestato il presunto assassino

Alessandro Calvia, il presunto assassino
Alessandro Calvia, il presunto assassino

I carabinieri del comando provinciale di Sassari hanno arrestato il presunto autore dell'omicidio di Orsola Serra, avvenuto il 23 ottobre ad Alghero. Si tratta di Alessandro Calvia, 41 anni, di Alghero - VIDEO

07 dicembre 2011
2 MINUTI DI LETTURA





ALGHERO. Avevano una relazione sentimentale turbolenta da circa un anno, Orsola Serra, l'insegnante di Alghero di 50 anni, trovata priva di vita nel suo letto con accanto una cordicella il 23 ottobre scorso e Alessandro Calvia, il disoccupato di 41 anni di Alghero arrestato stamattina dai Carabinieri del Comando provinciale di Sassari con l'accusa di essere il responsabile dell'omicidio della donna.

VIDEO L'arresto di Alessandro Calvia

I vicini di casa della donna hanno riferito agli inquirenti che tra i due i rapporti nell'ultimo periodo erano turbolenti. Secondo quanto hanno accertato gli investigatori del Nucleo investigativo la donna avrebbe voluto una relazione stabile, mentre l'uomo non era d'accordo. Sarebbe stata questa, secondo gli inquirenti, la causa scatenante della lite all'interno dell'appartamento della vittima. A Calvia gli investigatori sono arrivati dalla comparazione tra il Dna dell'uomo e quello trovato sulla cordicella abbandonata accanto al corpo della vittima.

Ieri mattina dopo la consegna degli esiti della perizia eseguita dal Ris di Cagliari, la Procura ha emesso l'ordine di cattura. Per il sostituto procuratore Paolo Piras c'era infatti il pericolo che l'uomo, che sentiva sul collo il fiato degli inquirenti, lasciasse la città di Alghero. Poco dopo la morte di Orsola Serra, Calvia era stato interrogato dai Carabinieri ma fino a ieri non c'erano prove a suo carico.

L'uomo potrebbe aver ucciso l'insegnante in un impeto di ira, ma non è escluso che la donna sia morta durante un gioco erotico finito in tragedia. Stamattina, su provvedimento del sostituto procuratore Paolo Piras, l'uomo è stato arrestato e portato al Comando provinciale dei Carabinieri di Sassari, dove è stato raggiunto dal suo difensore, l'avvocato Stefano Carboni. Nel pomeriggio Calvia verrà trasferito nel carcere di San Sebastiano.

Nei prossimi giorni comparirà davanti al Gip per la convalida del fermo. Al momento dell'arresto, sulla porta della sua abitazione, mentre usciva di casa, l'uomo non ha opposto resistenza. Calvia tre anni fa era stato arrestato, con un nipote, per una rapina messa a segno in una tabaccheria ad Alghero.
Elezioni regionali 2024
Il voto

Elezioni regionali, i dati sull’affluenza alle 12: 18,4 per cento

Le nostre iniziative