Sequestrate 18 villette abusive

Tra i 9 indagati il capo e un funzionario dell’ufficio tecnico di Arbus

ARBUS. Diciotto villette in costruzione a 300 metri dal mare nella lottizzazione di Torre dei Corsari, nella costa di Arbus, sono state poste sotto sequestro dagli agenti dell’Ispettorato di Cagliari del Corpo forestale per ordine del gip del tribunale di Cagliari, Simone Nespoli, e richiesta del pm Enrico Lussu, che ha coordinato le indagini dei ranger. Indagini definite dal gip nella sua articolata ordinanza di sequestro “particolarmente complesse”, e che a conclusione hanno permesso di accertare che – attraverso varianti e concessioni edilizie illegittime perchè totalmente difformi al piano di lottizzazione – l’ufficio tecnico del Comune di Arbus ha rilasciato le autorizzazioni (peraltro scadute) per le 18 villette. Alle concessioni – dice l’ordinanza del gip – si sarebbe arrivati attraverso falsi ideologici con cui risultano aggirate, oltre al piano di lottizzazione, anche le norme di salvaguardia del Piano paesaggistico regionale. Per i reati di abuso d’ufficio, falso ideologico e materiale, violazioni del Decreto Urbani e lottizzazione abusiva sono indagate 9 persone: Walter Concas (55 anni, ingegnere di Arbus), Severino Ariu (59 anni, di Arbus, progettista e direttore dei lavori), Marco Tuveri (59 anni, proprietario), Francesco Deriu (46 anni di Norbello, impresario), Pinella Piras (53 anni, proprietario), Fabrizio Vinci (46 anni, di San Nicolò d’Arcidano, proprietario), Tatiana Flore (35 anni, impresaria), Alessandro Pani e Giampiero Frau, rispettivamente ingegnere capo e funzionario dell’ufficio tecnico comunale.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes