Giunta Pigliaru: «Noi sassaresi al lavoro per tutta l’isola»

Prime dichiarazioni delle responsabili dell’Ambiente (Donatella Spano) e dell’Industria (Maria Grazia Piras)

SASSARI. Nord Sardegna fortemente rappresentato in giunta. Ma gli assessori appena scelti tengono a chiarire che saranno portatori d'interessi generali. Perciò le prime dichiarazioni delle sassaresi nel nuovo esecutivo riguardano le emergenze da affrontare per tutta l'isola.

Niente campanili. «Del resto, sarebbe sbagliato fare discorsi localistici: credo che nelle nomine si siano tenuti nella dovuta considerazione i nostri profili professionali alla luce dell'urgenza di trovare soluzioni ai problemi della Sardegna», esordisce Donatella Spano, neo assessore all'Ambiente. Che subito aggiunge: «L'isola può essere un laboratorio per risolvere situazioni gravissime come inquinamento, bonifiche, equilibri legati agli assetti idrogeologici, lotta ai roghi estivi. Ma anche per valorizzare i nostri aspetti paesaggistici del tutto particolari ».

Interdipendenze. «A ogni modo, dato che non tutte le competenze ambientali ricadono sull’assessorato, ritengo ci siano le premesse per fare un buon lavoro di squadra», conclude Spano, che immagina già «un esecutivo davvero coeso, in grado di trovare soluzioni collegiali».

Il Fai. «Per il momento posso dire solo che sono contenta di avere l'opportunità di lavorare con questa giunta per il bene e lo sviluppo della nostra isola»: così Maria Grazia Piras, che preferisce limitarsi a poche dichiarazioni laconiche. Con lei un fatto inedito va annotato: è forse la prima volta che un assessore regionale all'Industria proviene dalle file di un'associazione come il Fai, il Fondo italiano per l'ambiente, di cui è presidente regionale.

Radici nella Planargia. Piras è nata a Suni 62 anni fa. Da moltissimo tempo la sua principale residenza è comunque Sassari, dove ha studiato e si è laureata (in Scienze politiche). Qui ha sposato il notaio Giovanni Maniga e ha avuto due figlie. Variegate le sue esperienze specialistiche. Dallo scorso aprile è consigliere d'amministrazione del Banco di Sardegna. Direttore generale dell'Ersu a Sassari dal 2005 al 2010, in precedenza è stata per 7 anni dirigente della Provincia di nord-ovest. Si è occupata fra l'altro di formazione, sanità, attività produttive, rapporti istituzionali, politiche sociali, oltre che di programmazione territoriale. Quando era presidente della Provincia Pietrino Soddu, è stata anche suo capo di gabinetto. Ancora prima, fra il 1987 e il 1998, ha diretto la delegazione di Sassari dell'Api Sarda e insegnato Discipline giuridiche ed economiche. Tra il 1978 e il 1981, al gruppo editoriale Rizzoli, ha ricoperto l'incarico di responsabile dell'Ufficio norme aziendali. Nella sua formazione figurano un master in Economia alla Scuola superiore Enrico Mattei dell'Eni, lavori di ricerca all'Istituto per la scienza dell'amministrazione pubblica, corsi di organizzazione all'Aisl, studi su nuova imprenditorialità e turismo.

Docente universitaria. Invece Donatella Spano, 56 anni, sassarese, nella sua città è "ordinario" di Sistemi arborei e forestali nel dipartimento di Scienze della natura e del territorio. In precedenza, ha insegnato a lungo diverse materie nella facoltà di agraria (dove lei stessa si era laureata all'inizio degli anni Ottanta). Al suo attivo ha decine di pubblicazioni: per l'esattezza, sino a qualche tempo fa, 132. Dal novembre 2009 è prorettore dell'ateneo, delegata per la ricerca e il trasferimento tecnologico.

Clima e meteo. Nel passato più recente Spano ha intensificato le sue ricerche, con corsi e visite di studio in prestigiosi atenei esteri, dalla Spagna agli Stati Uniti, nel campo dell'agro-meteo e della micro-meteorologia. Proprio in questo settore ha ricoperto e ricopre ancora importanti incarichi. Dal marzo 2007 è infatti vicedirettore della divisione "Impatti su agricoltura, foreste ed eco-sistemi naturali” nel Centro euro-mediterraneo per i cambiamenti climatici.

Partnership. Sempre Donatella Spano, dal 2013, è co-fondatore e presidente eletto della Società italiana per le scienze del clima. Coordinatore del programma di dottorato in Agrometeorologia ed eco-fisiologia dei sistemi forestali, fa parte inoltre del Comitato per la scuola in Global Science and Policy (ChangeS) nata dal consorzio di tre università (Ca' Foscari, Salento e Sassari).

Larghi orizzonti. Membro di altre istituzioni scientifiche sarde, nazionali e internazionali, collabora con autorevoli riviste che all'estero si occupano di clima e meteo. Nel 2012 è stata insignita della medaglia dell'ateneo turritano per la produzione scientifica. Prima ancora, nel 2001, ha ottenuto un riconoscimento come destinatario del Premio "Best Practice Paper" dell'American Society of Civil Engineers. È stata chiamata come esperto alla Banca Mondiale, all'Agenzia europea per l'ambiente, alla Protezione Civile.

Da più di 30 anni vive con l'architetto sassarese Sandro Tedde. Non ha figli.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes