La Nuova Sardegna

Soleminis, in scena storie di preti controcorrente

di Roberta Sanna
Soleminis, in scena storie di preti controcorrente

Si apre stasera con Giuliana Musso il festival “Cantiere di lavoro teatrale”. Domani si replica

28 agosto 2014
2 MINUTI DI LETTURA





Si apre stasera con Giuliana Musso e proseguirà sino al 4 settembre con Marta Cuscunà, il gruppo Carrozzeria Orfeo, Marco Cavicchioli, Giusy Merli (la “Santa” ne La Grande Bellezza di Sorrentino), il Festival Cantiere di Lavoro Teatrale, nato nel ’96 nelle miniere di Montevecchio e che prosegue alla Casa delle Storie, Località Sa Cavana-Is Tanchixeddas. Giunto alla diciannovesima edizione, il festival organizzato da Aurora Aru e Franco Marzocchi si propone anche quest’anno non solo con la realizzazione di spettacoli ed eventi, ma anche, secondo una formula ben sperimentata, come interessante spazio di ricerca e produzione, momenti di scambio progettuale fra artisti di diversa provenienza attraverso la residenzialità. Tra gli artisti ospiti in cartellone scelti fra più interessanti nel panorama nazionale del teatro d’innovazione arrivati a Soleminis già dal 18 agosto, l’apertura è affidata a Giuliana Musso in scena - stasera e domani alle 21 - con “La Fabbrica dei Preti”, spettacolo in cui l’apprezzata autrice e interprete racconta la dimensione umana dei giovani destinati a diventare sacerdoti nei seminari degli anni ’50 e ’60, in cui si cercava di dissociare il mondo affettivo dei piccoli futuri preti dalla loro dimensione spirituale e devozionale. Ne nascono tre storie di preti ribelli, controcorrente, che hanno cercato coraggiosamente di poter riunire ciò che era stato separato e represso.

In “È Bello Vivere Liberi!” la giovane e stimata Marta Cuscunà proporrà, il 30 e 31, la storia di Ondina Peteani, operaia e partigiana triestina considerata la prima staffetta a servire i combattenti della lotta di liberazione. Il primo e 2 settembre Carrozzeria Orfeo in “Thanks for Vaselina”, racconta, con il ruvido stile della compagnia vincitrice del Premio nazionale della Critica 2012, una storia di esseri umani sconfitti e abbattuti. Negli stessi giorni e sino al 4 andranno in scena anche le nuove produzioni in residenza - “Due destini a molla”, “Un uomo in fallimento”, “Scarafaggio”, “Pinocchi. Storia di un burattino fatto a pezzi” e “La Paura” - che oltre ai nomi già citati, coinvolgono numerosi artisti come Francesco Bonomo, Daniel Dwerryhouse, Andrea Macaluso, Mila Vanzini.

In Primo Piano
Trasporti

Rotaie roventi: un altro stop ai treni

di Andrea Massidda
Le nostre iniziative