La Nuova Sardegna

Marina di Badesi, doppia scelta: o Li Junchi o Li Mindi

di Salvatore Tola
Marina di Badesi, doppia scelta: o Li Junchi o Li Mindi

30 agosto 2014
2 MINUTI DI LETTURA





w

BADESI. La Marina di Badesi, affacciata sul versante orientale del golfo dell’Asinara, si divide in due parti: nel frequentarle ci si può rendere conto come tratti analoghi dello stesso litorale possano essere presentati e fruiti in modi del tutto diversi. Quella più rapidamente raggiungibile, e più affollata, si chiama Li Junchi (I Giunchi).

All’arrivo si aprono lungo la strada le aree di parcheggio; poi l’asfalto continua, seguendo un po’ troppo da vicino l’arenile ma offrendo allo stesso tempo utili «discese» verso la riva. I servizi sono numerosi, comprendono il bar, il ristorante, il noleggio di barche e di attrezzature da spiaggia, il percorso agevolato per i portatori di handicap.

La grande mappa delle spiagge della Sardegna 

L’altra spiaggia, Li Mindi (I Recinti), dispone invece solamente di un parcheggio, realizzato all’interno di una pineta, dal quale un sentiero conduce al mare in pochi minuti; per il resto è una spiaggia «fai da te». Analoghe invece le caratteristiche della sabbia, che è di colore chiaro e profondo; dell’acqua marina, limpida e di colore azzurro; del fondale, che è sabbioso e si fa rapidamente profondo; e analogo il panorama: la vista si allunga a destra fino all’Isola Rossa, mentre a sinistra è chiusa dal profilo di Castelsardo; al largo compaiono, nelle giornate più limpide, le sagome dell’Asinara e della Corsica.

La strada che porta a Li Junchi ha origine, alla periferia di Badesi, da una rotatoria realizzata lungo al provinciale 90 Castelsardo-Santa Teresa. Si procede tra il verde su un bel nastro di asfalto con al fianco la pista pedonale e ciclabile, per due chilometri. Se invece si vuole raggiungere Li Mindi bisogna imboccare dopo mezzo chilometro la deviazione segnalata a destra. Qui la strada è più stretta, ma comunque agevole, e porta a destinazione dopo altri due chilometri. All’affacciarsi sul mare ci si rende conto che le due spiagge sono in realtà contigue, costituiscono un’unica distesa sabbiosa di un paio di chilometri.

In Primo Piano
Incidente

Cade da cavallo e sbatte la testa: grave 16enne di Senorbì

di Gian Carlo Bulla
Le nostre iniziative