La Nuova Sardegna

le opere che subentreranno a quelle revocate

le opere che subentreranno a quelle revocate

La filosofia di fondo del decreto Sbocca Italia è di non tenere fermi i soldi così come capita oggi per la cattiva burocrazia. Ed è per questo che 3,8 miliardi stanziati per nuovi cantieri saranno...

31 agosto 2014
1 MINUTI DI LETTURA





La filosofia di fondo del decreto Sbocca Italia è di non tenere fermi i soldi così come capita oggi per la cattiva burocrazia. Ed è per questo che 3,8 miliardi stanziati per nuovi cantieri saranno subito riattribuiti se l'apertura dei cantieri non rispetterà l'agenda prefissata. È quanto prevede il decreto Sblocca Italia che mette in stand by, in attesa di revoche, quattro interventi: la CircumEtnea, le metro di Palermo e la metropolitana di Cagliari oltre al primo lotto della Termoli-S.Vittore. La metropolitana di Cagliari, in realtà è già in fase avanzata di costruzione e pertanto non dovrebbe incontrare ostacoli burocratici. Queste quattro opere, secondo quanto si apprende, rimangono inoltre le prime che potrebbero essere finanziate con altre risorse con la legge di Stabilità.

In Primo Piano
Elezioni comunali 

Ad Alghero prove in corso di campo larghissimo, ma i pentastellati frenano

Le nostre iniziative