Cristiano De Andrè, lite e botte alla fidanzata in piazza a Santa Teresa

Le testimonianze: «Ha urlato e poi ha preso la compagna per i capelli, poi le ha sferrato un pugno. Hanno tentato di fermarlo, ma poi sono arrivati i carabinieri»

SANTA TERESA. Prima le grida, gli insulti contro le donne, poi le botte alla compagna, presa per i capelli e a calci. Protagonista della serata movimentata il cantautore Cristiano De Andrè, che secondo i alcuni testimoni avrebbe dato in escandescenze in un bar della centrale piazza Vittorio Emanuele ieri sera verso le 21.

«Credo fosse ubriaco – dice una ragazza che ha assistito all’episodio – ho sentito urla disumane provenire dalla piazza. Mi sono avvicinata e ho visto che era Cristiano De Andrè: stava fuori da un bar, gridava “io sono un uomo che odia le donne. Dovete morire tutte..." e frasi simili. L’ho visto prendere per i capelli la giovane compagna. Poi le ha dato un cazzotto».

In piazza, riferisce la ragazza, sono arrivati i carabinieri da Tempio: «Proprio in quel momento il figlio di De Andrè stringeva il collo a un ragazzo che stava cercando di calmarlo e tenerlo lontano dalla compagna. Quando ha visto i carabinieri si è tranquillizzato, ma poi ha ricominciato a insultare tutti. I carabinieri l’hanno caricato in auto, la sua compagna invece è stata portata in ambulanza».

Articolo completo e altri servizi nel giornale in edicola e nella sua versione digitale

WsStaticBoxes WsStaticBoxes