Spanu celebra i minatori sardi: esperienza di grande sofferenza

CAGLIARI. L'assessore agli Affari Generali Filippo Spanu è intervenuto nella città belga di Genk, nelle Fiandre, alla cerimonia per i 50 anni dell’associazione dei sardi Grazia Deledda. La...

CAGLIARI. L'assessore agli Affari Generali Filippo Spanu è intervenuto nella città belga di Genk, nelle Fiandre, alla cerimonia per i 50 anni dell’associazione dei sardi Grazia Deledda. La celebrazione si è svolta nella sala della Centrale elettrica della miniera di Winterslag attiva sino al 1986, in cui hanno lavorato 4 mila sardi. Il sito oggi è diventato un vivace polo culturale aperto alla comunità. «Avverto un sentimento di grande ammirazione per la capacità degli emigrati di mantenere vivo il ricordo della Sardegna attraverso l’attività dei circoli, animatori di iniziative e di progetti e in grado di esprimere un grande senso di comunità in linea con i valori di solidarietà e apertura che sono il fondamento dell'Europa unita. La storia dell’emigrazione sarda in Belgio – ha detto Spanu – è da associare al lavoro nelle miniere di carbone, esperienza difficile e spesso di grande sofferenza. In questo paese, infatti, nel secondo dopoguerra, si sono trasferiti migliaia di emigrati spinti dalla necessità di trovare un lavoro stabile. Non dobbiamo dimenticare quella vicenda e l’impegno generoso e proficuo dei nostri corregionali. I sardi che risiedono oggi in Belgio – ha concluso – sono i fedeli custodi di quella memoria ma anche portatori di nuove istanze legate ai mutamenti che hanno attraversato il mondo dell'emigrazione». L'assessore, accolto dal presidente dell’associazione Domenico Piga, ha portato i saluti del presidente Francesco Pigliaru e dell'assessora Virginia Mura.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes