Positivi mamma e 2 bimbi dopo la festa di compleanno

Putifigari: due giorni dai parenti in paese, poi scoprono di essere contagiati Scatta l’allarme e si ricostruiscono i contatti: 27 bambini in attesa di tampone

PUTIFIGARI. Gita in paese con sorpresa amara per due bambini di 7 e 10 anni che sono tornati a Putifigari per partecipare alla festa di compleanno di un familiare. Due giorni trascorsi a casa dei parenti, ma anche a giocare spensierati per le strade del piccolo centro (poco più di 700 abitanti della provincia di Sassari). Poi il segnale che qualcosa non andava e le puntuali verifiche: il bambino è risultato positivo al Covid-19, così pure la sorellina e anche la mamma. E siccome il bambino ha trascorso i momenti di gioco con i suoi amichetti, è scattata da parte dell’Ats l’operazione di tracciamento delle frequentazioni: ci sono 27 bambini in attesa di tampone che dovrebbe essere eseguito nelle prossime ore.

Il sindaco di Putifigari Giacomo Contini fin dai primi momenti ha seguito la situazione e ha cercato di tranquillizzare tutti, inutile infatti fare allarmismo.

«Suggerisco ai genitori – ha detto il primo cittadino – di monitorare i propri figli per quel che concerne i segnali tipici del virus: febbre, tosse, astenia, spossatezza e dolori. E di limitare le uscite. Io sono a disposizione per qualsiasi cosa abbiano bisogno. Rammento le tre regole semplici per tutti: mascherina, distanziamento e lavaggio frequente delle mani». Giacomo Contini ci ha tenuto molto a chiedere la partecipazione responsabile da parte di tutti i paesani: «Ricordo che si tratta di bambini, per cui invito tutti a non creare allarmismi inutili».

I due bambini e la mamma non sono residenti a Putifigari – dove hanno però i parenti – e per questo non risultano tra i positivi indicati per il piccolo comune. «Da noi attualmente i positivi restano tre – ha sottolineato il primo cittadino – sono a casa, monitorati in continuazione. Stanno sostanzialmente bene e speriamo che superino in fretta le difficoltà causate dal virus.

«L’Ats vi dirà come comportarvi con i vostri figli – ha concluso il sindaco Giacomo Contini, cercando di tranquillizzare ulteriormente i genitori dei 27 bambini in attesa di tampone –. Sono certo che andrà tutto bene, vi invito ancora a chiamarmi per qualsiasi necessità. Sono sicuro che ne usciremo».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes