Vacanza in villa o in appartamento ad affittarla ci pensa la start up

SASSARI. Nell’anno del Covid, in cui la parola d’ordine è “distanziamento”, le seconde case potrebbero prendersi una bella rivincita. Ville, villette e appartamenti da trasformare in luoghi di...

SASSARI. Nell’anno del Covid, in cui la parola d’ordine è “distanziamento”, le seconde case potrebbero prendersi una bella rivincita. Ville, villette e appartamenti da trasformare in luoghi di villeggiatura privilegiati da chi cerca privacy, relax e sicurezza lontano dalla folla o anche semplicemente dai vicini di camera in hotel: niente spazi da condividere in comune, rischi ridotti ai minimi termini. La casa in affitto è l’oggetto del desiderio di un’estate quasi alle porte e densa di incognite: nei principali siti di ricerca chi vuole andare in vacanza detta le regole e ha le idee molto chiare sulla location. La Sardegna ha un patrimonio di circa 300mila seconde case, molte delle quali restano sfitte perché i proprietari non le utilizzano e non le cedono ad altri. È stato calcolato che tutte insieme potrebbero generare un fatturato di circa 6 miliardi di euro, con un indotto che ricadrebbe sull’intero comparto turistico-ricettivo. Proprio con l’obiettivo di valorizzare questo patrimonio in un momento in cui nel mercato le seconde case sono richiestissime, è nata e si è sviluppata la stat up Estay: a fondarla sono stati 5 giovani sardi, tutti formati con studi specifici o già imprenditori del settore dell’ospitalità, con l'obiettivo di rivoluzionare l'universo degli affitti in Sardegna. Il segreto di Estay – che al momento gestisce 130 proprietà – è seguire la pratica affitto dall’inizio alla fine, dispensando il proprietario da qualsiasi incombenza prima della firma del contratto con l’inquilino e durante la permanenza. Il team di Estay si occupa della creazione dell'account sul sito; del servizio di home staging (set fotografico professionale); dell'aggiornamento delle tariffe; delle pulizie e della gestione degli ospiti ai quali viene garantita un'assistenza costante come quello delle strutture alberghiere di lusso. In questo modo agli ospiti viene garantito un servizio professionale, i proprietari hanno il vantaggio di ottenere un rendimento su un immobile che sino a quel momento ha rappresentato solo un costo perché inutilizzato. Con l’ulteriore vantaggio che l’immobile viene mantenuto in buone condizioni con interventi costanti di manutenzione. Per venire incontro alle esigenze dei padroni degli immobili e farli risparmiare sui costi fissi a loro carico, Estay ha siglato importanti convenzioni con aziende leader in Italia, tra le quali una che permette di avere fonti di energia 100% rinnovabili e a basso costo, un’altra che permette di stipulare un assicurazione sull’immobile a copertura dei danni e assicura pronto intervento. I cinque fondatori della start up Estay (https://estay.it/) sono Enrico Bertini, Nicola Sabiu, Giovanni Molinari, Michelangelo Soru e Giada Orrù. I piani per il 2021 sono ambiziosi: ampliare il numero delle proprietà grazie al supporto dei local manager che al momento sono 3 e potrebbero diventare 10. E poi, dopo la prima fase di espansione nel Sud Sardegna, si punta al Nord, verso la Costa Smeralda e Alghero, con l’apertura di una sede.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes