Vaccini, in Sardegna somministrate quasi 12mila dosi in 24 ore

Accelerata sui fragili prima dell'ampliamento agli over 50 da lunedì

CAGLIARI. La Sardegna preme sull'acceleratore per i vaccini e in particolare nelle somministrazioni ai soggetti fragili. Le lunghe file alla Fiera di Cagliari per il siero Moderna testimoniano il cambio di passo che fa salire nuovamente la quota giornaliera di inoculazioni che arriva quasi a toccare le 12mila iniezioni in 24 ore: 11.848 passando dalle 552.571 dosi di mercoledì alle 564.419 di ieri, secondo il monitoraggio in tempo reale sul portale del Governo. Le scorte sono abbondanti visto che sono state consegnate 718.440 dosi ed è stato somministrato il 78,6%: ora la parola d'ordine è correre visto che da lunedì 10, come ha annunciato il generale Figliuolo, si amplierà ancora la platea dei beneficiari con il via all'adesione per gli over 50. In Italia oltre 6,8 milioni di cittadini hanno completato il ciclo vaccinale, mentre nell'Isola si superano le 166mila unità, cioè il 10,3% della popolazione. Quasi 100mila fragili e caregiver già vaccinati almeno con la prima dose (98.682) anche se si fa sentire ancora qualche protesta per disservizi nel portale regionale di prenotazione. Le associazioni dei non vedenti, A.n.p.v.i. Onlus e Rp Sardegna Onlus, parlano di un «malfunzionamento del portale di accesso alle prenotazioni del vaccino anti-Covid 19 per tutti quei soggetti fragili e disabili gravi (legge 104/92 art. 3 comma 3)» con una presunta disparità di trattamento all'interno di questa categoria. E proprio sulla priorità nelle somministrazioni la Procura di Cagliari ha aperto un'inchiesta sui cosiddetti 'furbettì del vaccino. (ANSA).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes