Spiagge, natura e servizi: nell’isola 14 bandiere blu

Entra Aglientu ed esce Teulada che però non aveva presentato la candidatura La maggiore concentrazione nel nord, ma ogni provincia ha almeno un vessillo

SASSARI. Non solo acqua e spiagge pulite, ma anche diffusione e qualità dei servizi, informazione e attenzione per l’ambiente. In passato alcune scelte hanno suscitato perplessità, ma l’assegnazione della bandiera blu va sempre letta alla luce della rispondenza a una serie di requisiti. Anche quest’anno la Sardegna si è difesa bene, con quattordici località che hanno conquistato il vessillo. Non senza qualche novità: nell’elenco c’è una nuova entrata, Aglientu, e una località che perde la bandiera, Teulada. «Niente di strano - spiega il sindaco Daniele Serra - semplicemente non abbiamo presentato la candidatura. Questo non toglie la possibilità che potremo farlo più avanti. Ma, quest'anno, abbiano fatto altre scelte strategiche di pianificazione che riguardano tutto il territorio di Teulada. Una programmazione di più ampio respiro che tenga conto anche di altri criteri ed esigenze. Naturalmente questo nulla toglie alla intatta bellezza e pulizia delle nostre spiagge».

Fra i 32 criteri di valutazione per questo «sigillo di qualità» assegnato da una giuria nazionale di cui fanno parte anche i ministeri della Transizione ecologica, delle Politiche agricole e del Turismo, ci sono anche strutture alberghiere, servizi d'utilità pubblica sanitaria, informazioni turistiche, segnaletica aggiornata, educazione ambientale.

La Sardegna con i suoi 14 vessilli è al settimo posto. Prima è la Liguria con 32 località, seconda la Campania con 19, la Toscana è terza con la Puglia a quota 17. Quinte le Marche con 16, poi la Calabria con quindici. Nell'Isola bandiere concentrate soprattutto nel nord, ma ogni territorio può vantare il suo trofeo ambientale. Partendo dal sud il vessillo della Fee sventolerà a Quartu e Sant'Antioco. Risalendo, bandiere blu a Bari Sardo e Tortolì, in Ogliastra. A Oristano il premio va a Torregrande. Riconoscimento in Gallura a Badesi. Nella provincia di Sassari la maggior parte dei vessilli: saranno issate sui pennoni in riva al mare ad Aglientu (new entry), Palau, Castelsardo, La Maddalena, Santa Teresa Gallura. E ci sono anche Trinità D'Agultu e Vignola. Dieci i porti turistici premiati dalla Fee. Sono Cala Gavetta (La Maddalena), Porto turistico comunale di Palau, Porto di Santa Teresa Gallura, Marina dell'Orso di Poltu Quatu (Arzachena), Porto Cervo Marina (Arzachena), Marina di Porto Rotondo (Olbia), Marina di Portisco (Olbia), Porto Turistico di Castelsardo. E poi nel Nuorese Marina di Baunei e Santa Maria Navarrese. Nel Cagliaritano Bandiera blu a Marina di Capitana (Quartu).

Gli approdi premiati, spiega la Fee, «dimostrano che la portualità turistica ha consolidato le scelte di sostenibilità intraprese, rispondendo ai requisiti previsti per l'assegnazione internazionale, garantendo la qualità e la quantità dei servizi erogati nella piena compatibilità ambientale».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes