Vaccinazioni, l’isola è ultima Ma le Poste partono col botto

Boom di prenotazioni di over 50 nel portale: oltre 10mila nella prima mezzora La novità: la conferma arriva subito. Presto il via libera anche per gli over 40 

CAGLIARI. Ultima per numero di vaccini: la Sardegna è stata scavalcata anche dalla Sicilia, storica maglia nera in questa classifica nazionale. Con solo il 78,9 per cento delle dosi somministrate rispetto a quelle ricevute, lo scivolone fino all’ultimo posto è stato inevitabile e scontato. L’altra isola ha dichiarato due punti in più. Ma la batosta non ha fatto saltare sulla sedia il commissario straordinario dell’Ats-Ares: «Il rallentamento era previsto – sottolinea Massimo Temussi – e lo avevamo anticipato anche a Roma. Perché in questa settimana che sta per concludersi, c’è stato il passaggio dalla piattaforma regionale a quella di Poste Italiane e buona parte del personale amministrativo era impegnato nei corsi d’aggiornamento. È questo l’unico motivo per cui non abbiamo rispettato la media delle vaccinazioni giornaliere, ma da lunedì siamo pronti a garantire 15mila somministrazioni ogni 24 ore. Tra l’altro – conclude Temussi – sono arrivate anche 30mila dosi AstraZeneca, dopo le oltre 58mila Pfizer, e quindi avremo a disposizione un bel po’ di scorte».

La nuova piattaforma. L’esordio in Sardegna del portale di Poste italiane (prenotazioni.vaccinocovid.gov.it) è stato un successo. Mezz’ora dopo il taglio del nastro, a mezzogiorno, c’è stato un picco di registrazioni: oltre 10mila, con un aumento esponenziale col passare delle ore. Ma soprattutto è stata eccezionale la rapidità della risposta: la conferma dell’appuntamento è arrivato in tempo reale, mentre, con la vecchia piattaforma, l’attesa era molto più lunga. «Se la Regione avesse deciso prima di aderire al sistema nazionale – è commenta Francesco Agus, capogruppo dei Progressisti in Consiglio regionale – ora non saremmo ultimi nella classifica delle vaccinazioni. Invece, ad aprile, il rifiuto fu netto e oggi paghiamo le conseguenze di una scelta presa con troppo ritardo». Anche il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, ha ribadito la stessa critica: «Abbiamo stentato per troppo tempo». La risposta della Regione è stata sintetica: «L’importante è che da lunedì in poi arrivi la spallata nella campagna di vaccinazione».

Via libera. Con l’apertura delle prenotazioni a tutti gli over 50, la partenza di questa nuova fase è stata da record. Ora bisognerà vedere se la filiera degli hub riuscirà a tenere il passo visto che sono all’incirca 260mila gli ultracinquantenni sardi censiti dall’Istat. La piattaforma di Poste Italiane è servita a sbloccare anche le prenotazioni di chi finora era rimasto senza risposta, nonostante si fosse registrato sul sito della Regione. Con la nuova iscrizione attraverso le Poste, la situazione si è sbloccata e anche chi era rimasto nel limbo ha ricevuto l’sms di conferma.

Prossimo passo. Alla fine della prossima settimana, anche se la notizia non è ancora ufficiale, sempre sul nuovo portale saranno aperte le prenotazioni per gli over 40. Ma come precisato dal commissario nazionale, il generale Francesco Paolo Figliuolo, «le vaccinazioni per questa fascia d’età cominceranno intorno a giugno». Perché? «Prima vogliamo mettere al sicuro tutte le altre categorie e soprattutto i fragili. Però la scelta di far scattare subito le prenotazioni riservate agli over 40, ci darà un bel vantaggio in futuro». (ua)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes