Dipendenti di un hotel sardo si vaccinano in Baviera: l'ira del presidente Soeder

Markus Soeder

Il caso rimbalza sui media tedeschi: alcuni lavoratori di un complesso alberghiero isolano erano arrivati a Monaco per la somministrazione del vaccino

MONACO DI BAVIERA. «Non vogliamo alcun turismo vaccinale in Germania». Lo ha detto il presidente della Baviera, Markus Soeder, oggi dopo il caso emerso nel weekend di un centinaio di dipendenti di hotel della Sardegna che a maggio sarebbero stati in Baviera per vaccinarsi. Notizie ripresa da tutti i media tedeschi fra cui la Sueddeutsche Zeitung

«Mi viene un forte mal di pancia quando succede qualcosa del genere», ha detto oggi Soeder, commentando il precedente. Stando alle notizie riportate da media tedeschi, un centinaio di dipendenti di un complesso turistico dell'isola erano partiti per l'aeroporto di Monaco e si erano vaccinati sul posto, per poi tornare velocemente indietro.

In Germania la lista d'attesa è già abbastanza lunga, è stato il commento della Csu, «una cosa del genere non deve ripetersi» per Soeder. Secondo quanto riporta la Dpa, non è ancora chiaro da dove provenissero le dosi di vaccino e su questo ci sarebbero delle verifiche dell'associazione delle casse mediche locale.

Sarà la procura di Landshut, in Baviera, a dover fare chiarezza sulle dichiarazioni del medico tedesco Udo Beckenbauer rilasciate alla trasmissione di Rai Tre 'Mezz'ora in più', alla quale ha affermato che il governo tedesco avrebbe preso l'iniziativa di far vaccinare 100 dipendenti di una struttura turistica di lusso della Sardegna all'aeroporto di Monaco, in vista delle vacanze.

 Lo scrive la Sueddeutsche Zeitung on line, secondo la quale Beckenbauer ha poi ritrattato. Il giornale ricostruisce la serie di dichiarazioni che la tv ha mandato in onda e che l'intervistato avrebbe anche chiesto in un passaggio dell'intervista «di dimenticare». «La questione del Fort Village... viene dal governo», ha affermato il medico. «Il governo tedesco si è occupato del Fort Village. Non so perché. Io sono stato pregato di somministrare le dosi».

Stando alle dichiarazioni (registrate e poi rinnegate del medico) dietro l'operazione vi sarebbe stato fra l'altro il ministero della Salute di Jens Spahn. Il medico aveva fornito così la sua spiegazione del caso sostenendo che, riferisce Sz, quelli che hanno contribuito all'operazione sarebbero stati «esponenti del governo o dipendenti di ministeri che volevano andare lì in vacanza». Successivamente, Beckenbauer ha ritrattato tutto attraverso il suo legale, Thomas Pfister: «Le dichiarazioni di Beckenbauer sono state completamente inappropriate».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes