Incendi a Nuoro, Ortacesus, Guasila: in pericolo famiglie e allevamenti di animali

L'incendio alle porte di Nuoro (foto Massimo Locci)

Trentotto roghi hanno flagellato l'isola oggi 18 luglio, il primo è divampato nella mattinata a Budoni

CAGLIARI. Momenti di paura a Nuoro dove un grosso incendio partito intorno alle 15, ha minacciato le case nella periferia della città e ha reso necessaria l'evacuazione di 10 famiglie. L'incendio, spinto dal forte vento di maestrale, ha ripercorso le parti della perioferia cittadina dove già ieri aveva minacciato quartieri e abitazioni. Le fiamme sono partite dalla statale 131 Dcn si sono propagate a Su Berrinau, a Città Giardino e Predas Arbas fino a lambire la statale 389, la strada che da Nuoro porta a Lanusei. Imponenti i mezzi intervenuti sul posto, dove ha seguito le operazioni il prefetto di Nuoro Luca Rotondi: due elicotteri del Corpo Forestale, il Super Puma decollato dalla base di Fenosu e tre canadair. Il rogo è stato spento intorno alle 19 e fortunatamente non ci sono stati danni alle persone e agli animali. Ora le squadre a terra della Protezione civile, del Corpo Forestale, dell'agenzia Forestas e dei Vigili del Fuoco bonificano l'area. Secondo una prima stima si calcola che siano andati in fumo oltre 80 ettari, tra bosco e pascoli. Nella seconda giornata di incendi in città che ha vissuto momenti di angoscia, è intervenuto il sindaco Andrea Soddu:«Negli ultimi giorni Nuoro e il suo territorio sono stati teatro di incendi che hanno provocato devastazione nelle campagne e sono arrivati a minacciare le abitazioni - ha spiegato il primo cittadino -Gli irresponsabili, oppure i delinquenti, attentano alla vita delle persone. L'amministrazione sta provando a sfalciare le aree di sua competenza, allo stesso tempo rivolgo un appello ai proprietari dei terreni, cortili e giardini a provvedere alla loro pulizia». 

Canadair in volo sopra la periferia di Nuoro (foto Massimo Locci)

Un altro gigantesco rogo si è sviluppato tra Senborbì e Ortacesus alimentato dal forte vento. Le fiamme si sono avvicinate a un'azienda zootecnica, specializzata nell'allevamento di struzzi. I vigili del fuoco con diverse squadre hanno cercato di arginare il fuoco, evitando che si avvicinasse all'azienda.

Un altro incendio è divampato nella zona di Guasila. L'Anas ha chiuso provvisoriamente la statale 547 tra il chilometro 8 e il chilometro 9. Il traffico è stato deviato all'altezza del chilometro 17 lungo la statale 128. E ancora nella campagna di Milis dove le forze a terra e i velivoli hanno lottato per evitare che l'incendio arrivasse alle numerose aziende agricole della zona.

In tutto gli incendi nell'isola oggi 18 luglio sono stati 38. Il primo è scoppiato stamani a Budoni e ha incenerito 8 ettari di terreni incolti e pascolo.

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes