Perde il controllo della Golf morto medico di Cagliari

L’auto si è scontrata con un furgone, poi una terribile carambola: tre i feriti

SINNAI. Un morto e tre feriti, di cui uno grave, sono il pesante bilancio di un incidente stradale che ha coinvolto cinque auto. Lo scontro è avvenuto ieri mattina, intorno alle 11, nella nuova strada statale 125, nei pressi dell’area di servizio “Il Delano”. La vittima è Stefano Naccarato, un noto cardiologo del Santissima Trinità di Cagliari, 52enne, per anni responsabile della struttura di emodinamica dell’ospedale San Martino di Oristano. L’uomo rientrava dall’ospedale di Lanusei ed era diretto a Cagliari a bordo della sua Golf quando, per cause in via di accertamento, ha invaso la corsia di sinistra proprio mentre in direzione opposta transitava un Iveco Daily. L’impatto è stato inevitabile nonostante il conducente del furgone abbia cercato inutilmente di evitarlo. La Golf si è ribaltata e ha carambolato su una Fiat Doblò della Tim. Nell’incidente sono rimaste coinvolte anche una Toyota Yaris e una Ford Kuga. Ad avere la peggio è stato Stefano Naccarato. L’uomo è morto sul colpo. Sono rimasti feriti i conducenti del Daily, la conducente della Yaris e la passeggera della Kuga. Le tre persone sono stati trasportate al Policlinico di Monserrato e al Brotzu di Cagliari. Il più grave, la passeggera della Kuga è stata trasportata al Brotzu con l’elisoccorso. I conducenti del Doblò e della Kuga sono rimasti fortunatamente illesi. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando provinciale di Cagliari e del distaccamento di San Vito che hanno provveduto ad estrarre i feriti dall’abitacolo delle auto e a mettere in sicurezza i mezzi coinvolti e la sede stradale.

I rilievi di legge sono stati effettuati dagli agenti della polizia stradale del distaccamento di Muravera, coadiuvati dai colleghi di Cagliari. Sulla 125 sono arrivati anche i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Quartu. La circolazione nella nuova statale 125 è stata interdetta sino a quando non è stata rimossa la salma e i veicoli coinvolti che, così come ha disposto il magistrato di turno, la pm Rita Cariello, sono stati posti sotto sequestro. Stefano Naccarato era molto conosciuto e stimato sia ad Oristano sia Cagliari, sua città d’origine. In entrambe i centri la sua tragica scomparsa ha destato grande commozione e cordoglio. La vittima era una persona molto brillante: appassionato di canottaggio, ciclismo, nuoto, sci ed equitazione, sport che praticava nel tempo libero. Si era diplomato al liceo scientifico statale Pacinotti di Cagliari e poi, nel 1994, si era laureato in medicina e chirurgia con 110 e lode a Cagliari. La notizia della tragedia si è diffusa in un battibaleno tra i colleghi e il presidente dell'Ordine dei medici di Oristano, Antonio Sulis, lo ha ricordato con parole di affetto e stima: «È stato pioniere dell'emodinamica a Oristano. Un ottimo professionista che anche in questi giorni, aveva continuato a garantire un servizio che altrimenti, sarebbe stato cancellato». Anche la direzione dell’Ats Sardegna ha voluto esprimere le più sentite condoglianze alla famiglia della vittima “Unendosi al dolore dei colleghi dell'ospedale SS Trinità per la perdita di un eccellente professionista”.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes