Quirinale, Cappellacci positivo al Covid vota al drive in

Matita e scheda in busta sigillata

ROMA. «È avvenuto tutto in massima sicurezza». L'ex governatore della Sardegna Ugo Cappellacci è stato il primo fra i grandi elettori a esprimere il suo voto per il presidente della Repubblica nell'inedito seggio speciale 'drive in' allestito nel parcheggio di Montecitorio per consentire di votare anche a chi è positivo o in quarantena. «Non avendo l'auto mi sono organizzato con un'ambulanza. All'ingresso viene effettuata l'identificazione con il tesserino da parlamentare», spiega al telefono con l'Ansa il deputato cagliaritano di Forza Italia, una volta rientrato nel b&b scelto di regola per le trasferte a Roma, dove alloggiava già quando sabato è risultato positivo al Covid, che lo sta colpendo «come un banalissimo raffreddore, grazie al vaccino». «In un primo tendone fanno disinfettare le mani, e viene consegnata una busta sigillata con matita e scheda - spiega ancora Cappellacci -. In un secondo tendone si vota. E nel terzo si inserisce la scheda in un'urna sigillata, con solo la fessura per il foglio. Finito tutto, ho buttato la busta con il materiale e sono tornato sull'ambulanza. Complessivamente sono bastati un paio di minuti, tutto è stato rapido, in totale sicurezza: le persone con cui ho interagito erano bardate come in un reparto Covid. Ora mi seguirò la votazione e lo spoglio dai canali della Camera. E per domani l'organizzazione sarà identica». (Ansa).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes