Daniela Ducato alla guida della Fondazione Territorio Italia

Daniela Ducato

L'imprenditrice già nominata cavaliere della Repubblica per meriti ambientali

CAGLIARI. Daniela Ducato è la nuova presidente della Fondazione Territorio Italia (FTI), istituzione con sede a Roma che sviluppa sul territorio nazionale progetti concreti e iniziative di sensibilizzazione sui temi della sostenibilità ambientale e digitale, della inclusione, della parità di genere e empowerment femminile. Nominata cavaliere della Repubblica per meriti ambientali dal presidente Sergio Mattarella, premiata come migliore innovatrice in Italia dalla rivista americana Fortune e come miglior innovatrice green d'Europa in Svezia, l'imprenditrice sarda, celebre per le sue produzioni sostenibili, raggiunge un altro importante traguardo.

«Mi riconosco in pieno negli obbiettivi della Fondazione. Sostenibilità ambientale e sociale non possono essere disgiunte - dice all'Ansa la neopresidente - la violenza sulla nostra madre terra e quella sulle donne è inscindibile, matrici e linguaggi sono gli stessi. In questo momento della mia vita è fondamentale - sottolinea - dare il mio massimo impegno per riunire insieme ambiente e questione femminile con un impulso di innovazione. Territori fisici e geografici e territori dell'anima diventano un unicum: Territorio Italia».

Per Felice Saladini, fondatore di FTI, «l'incontro con Daniela Ducato è stato un incontro di anime. Il nostro desiderio di aiutare le persone e i territori ha trovato subito la forma di azioni concrete in una visione del futuro condivisa. Sono impaziente di iniziare il nostro lavoro insieme». Daniela Ducato è cofondatrice delle filiere Edizero architecture for peace, realtà inserita dal più grande forum mondiale dell'economia tra le migliori dieci biotecnologie del pianeta. Una filiera di aziende che produce, con industria a chilometro corto, 120 biomateriali derivanti da eccedenze e scarti di lavorazioni di materie locali minerali e vegetali, dalla calce al sughero.

È la prima green heroes d'Italia della omonima rete fondata da Alessandro Gassmann con il comitato scientifico Kyoto Club. I suoi biotessili «salvapianeta» sono stati inseriti dal New York Times fra i primi dieci nella classifica mondiale dei prodotti utili per salvare il clima. (Ansa).

WsStaticBoxes WsStaticBoxes