La Nuova Sardegna

Opere pubbliche

Riqualificazione delle reti idriche, Abbanoa “accende” 33 appalti

Riqualificazione delle reti idriche, Abbanoa “accende” 33 appalti

Interventi in tutta l’isola per un ammontare di 27 milioni

03 gennaio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Trentatré appalti per riqualificare le reti idriche in diversi centri dell’isola: Abbanoa mette sul piatto 27 milioni per dei lavori che saranno realizzati da imprese sarde. Uno degli obiettivi del consiglio d’amministrazione dell’ente presieduto da Franco Piga era proprio quello di accelerare il piano degli investimenti impegnando tutte le risorse che avevano il 31 dicembre come scadenza delle obbligazioni giuridicamente vincolanti, ovvero le aggiudicazioni degli appalti.

I 33 appalti aggiudicati hanno, come detto, un valore complessivo di 27 milioni di euro: sono risorse che Abbanoa ha ottenuto tramite il Fondo europeo per lo Sviluppo e la Coesione Fsc. Sono interessati i Comuni di Alghero, Assemini, Arzachena, Bosa (2 lotti), Budoni, Cagliari, Carbonia, Galtellì, Iglesias (2 lotti), Irgoli, La Maddalena, Macomer (2 lotti), Muravera, Nuoro, Olbia, Orosei (2 lotti), Oristano, Ozieri, Porto Torres, Quartucciu, Santa Teresa di Gallura, San Teodoro, Sarroch, Sassari (2 lotti), Selargius, Sestu, Siniscola e Sorso.

L’efficientamento delle reti idriche fa ricorso a sistemi tecnologicamente avanzati nel controllo del corretto funzionamento del servizio. Vengono anche definiti gli interventi da realizzare sia tramite i lavori di manutenzione ordinaria, sia tramite appositi canali d’investimento come quello relativo ai 33 appalti aggiudicati.

Altre 39 gare, per un importo complessivo di ulteriori 38 milioni di euro relativi sempre ai fondi Fsc, saranno bandite e aggiudicate entro il 30 giugno di quest’anno. Complessivamente le gare indette da Abbanoa nel 2022, solo per lavori pubblici, sono 56 per complessivi 58 milioni di euro. Numeri destinati a crescere ulteriormente nel 2023: infatti, sono già programmate 116 gare per complessivi 162 milioni di euro.

Il gestore unico ha ottenuto anche un ulteriore importante finanziamento di 50 milioni di euro dei fondi Piano nazionale di ripresa e resilienza relativamente al quale è già avviato l’appalto per la progettazione degli interventi.

In Primo Piano
Il caso

Siniscola, Giovanni Bomboi dopo gli spari al Consorzio: «Ero esasperato, sono pentito. Non volevo ferire nessuno»

di Sergio Secci
Le nostre iniziative