La Nuova Sardegna

Turismo

La nuova stagione del trenino verde al via dal 25 aprile


	La presentazione della nuova stagione del trenino verde
La presentazione della nuova stagione del trenino verde

L’assessore ai trasporti Antonio Moro ha presentato le strategie della Regione per il rilancio dell’importante servizio turistico

20 marzo 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Una Fondazione per rilanciare il Trenino verde e valorizzare un grande patrimonio storico della Sardegna, creando un'offerta turistica in linea con le esigenze del mercato. È la proposta illustrata oggi 20 marzo dall'assessore regionale dei Trasporti, Antonio Moro, nel corso della presentazione della nuova stagione del Trenino verde, che inizierà il 25 aprile prossimo.

"La Regione - ha detto l'assessore Moro - deve puntare su una strategia lungimirante per costruire un coordinamento con le realtà locali e favorire lo sviluppo di un'offerta congiunta 'viaggio in treno e territorio', garantendo le necessarie risorse economiche e l'esercizio in sicurezza su tutte le linee e con alti standard di qualità".

Le linee del Trenino verde sono quattro, per un totale di 437 chilometri: Mandas-Arbatax (158 km), Isili-Sorgono (82 km), Macomer-Bosa (48 km) e Sassari-Tempio-Palau (149 km).

"Il 2023 - ha spiegato l'assessore - sarà un anno di transizione e di importanti interventi di manutenzione su tutte le linee, con investimenti in corso e programmati per 13 milioni di euro da parte dell'Arst e 62 milioni da Rfi. Contiamo comunque di proporre almeno le stesse date della scorsa stagione, a partire dal 25 aprile sulla Macomer-Tresnuraghes e poi via via sulle altre tratte non appena termineranno i lavori nei cantieri".

"Il Trenino verde - ha sottolineato l'esponente della Giunta Solinas - rappresenta una delle leve più potenti per allungare la stagione turistica e coinvolgere le aree dell'interno in un progetto di esperienza turistica sostenibile e integrata intorno a natura, cultura, gastronomia, archeologia e sport. In questo contesto il valore aggiunto può essere proprio la costituzione, da parte dell'Arst e con il coinvolgimento diretto dei Comuni, di una Fondazione capace di avere una visione globale del servizio e del mercato in cui opera, in stretta e continua collaborazione con tutti i portatori di interesse".

In capo alla Regione, ha aggiunto l'assessore, "resterebbero il controllo della gestione del servizio e l'individuazione delle scelte strategiche, per consentire alla Fondazione anche di accedere ad appositi fondi, nazionali ed europei, altrimenti non accessibili, e di disporre di risorse da reinvestire con l'unico obiettivo di perseguire la valorizzazione del territorio e dell'intero patrimonio ferroviario". (italpress)

In Primo Piano
Meteo

Nubifragi e grandinate: dal Sassarese alle Baronie il maltempo colpisce il nord Sardegna

Le nostre iniziative