La Nuova Sardegna

San Silvestro

La sfida di Capodanno, concertoni in tutta l'isola

di Alessandro Pirina
La sfida di Capodanno, concertoni in tutta l'isola

A Sassari Renga e Nek, a Cagliari Mengoni Ligabue ad Alghero, Zucchero e Salmo a Olbia, Mahmood a Castelsardo

31 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Sassari Capodanno come Ferragosto. Per una notte la Sardegna sembra tornare ai fasti estivi quando i cartelloni degli spettacoli sono ricchi di nomi di richiamo. Certo, in questo caso tutto è concentrato in una notte e i sardi - perché i turisti, visto l’esiguo numero di voli e i prezzi alle stelle dei pochi disponibili, saranno una scarsa minoranza - saranno costretti a fare un scelta. Che al sud è quasi obbligata, visto che l’unico concertone è quello di Marco Mengoni a Cagliari. Al nord invece scendono in campo quattro - anzi sei - pezzi da novanta: Ligabue ad Alghero, Francesco Renga e Nek a Sassari, Zucchero e Salmo a Olbia, Mahmood a Castelsardo. Più Noemi che sarà protagonista del Capodanno di Nuoro.

A lanciare la sfida di San Silvestro era stata Alghero, che d’altronde è storicamente la prima città sarda ad avere puntato sul Capodanno in piazza: il Cap d’Any nasce, infatti, nel 1995 con Piero Marras sul palco. A fine ottobre era stato dato l’annuncio: la star del 31 dicembre sarà Ligabue. Un nome senza rivali che aveva spiazzato tutte le città competitor. O perlomeno così pareva dovesse andare. Invece, da quel momento è cominciata la sfida a rincorrere Alghero. La prima risposta è arrivata da Olbia, che ha scelto di puntare su Zucchero, già protagonista di un Capodanno a Cagliari una ventina di anni fa.

«Sono felice di chiudere il 2023, un anno che mi ha regalato fortissime emozioni, con un concerto in Sardegna, un luogo che tengo nel cuore e dove volevo tornare già da un po’ di tempo – dichiara Zucchero “Sugar” Fornaciari –. La musica ha il potere di unire le persone e questo è sicuramente un modo speciale per festeggiare insieme l’arrivo del nuovo anno. Viva la Sardegna». Ma sul palco del Molo Brin Zucchero non sarà solo. Dopo il suo concerto, infatti, ci sarà il dj set di Salmo, che visti i precedenti (e l’omaggio a Sanremo) è molto probabile possa anche affiancare il re del blues italiano sul palco.

Di fronte a questi nomi in molti pensavano che Sassari avrebbe alzato bandiera bianca, anche perché è ormai qualche decennio che Alghero e Olbia si contendono il titolo di regina del Capodanno del nord. E invece anche Sassari ha raccolto la sfida, scommettendo non su un big, ma su due. E così sul palco di piazza d’Italia stanotte ci saranno Francesco Renga e Nek, che saranno anche tra i protagonisti del prossimo Sanremo. Dove ci sarà in gara anche Mahmood, che è la carta che stanotte si giocherà Castelsardo, che da più di 20 anni punta su un big della musica. Alla corsa al concertone quest’anno partecipa anche Nuoro, che schiera una delle più belle voci femminili del panorama musicale italiano, Noemi.

A sud, invece, il re incontrastato del Capodanno è sicuramente Marco Mengoni, il vincitore dell’ultimo Sanremo, che però, anziché in piazza, si esibirà alla Fiera. Un mega evento a numero chiuso - 28mila posti disponibili - e dai costi esorbitanti che ha suscitato non poche polemiche. Tra gli altri concerti di stanotte due protagonisti del prossimo Sanremo, Fred De Palma a Iglesias e Alfa a Tortolì, Mondo Marcio a Dorgali e Joe Bastianich in versione musicista a Villasimius.

Elezioni regionali 2024
Il voto

Elezioni regionali, i dati sull’affluenza alle 12: 18,4 per cento

Le nostre iniziative