La Nuova Sardegna

Elezioni regionali 2024
Elezioni regionali 2024

Renato Soru e Alessandra Todde: botta e risposta al vetriolo sull’incarico in un’azienda del gruppo Tiscali

Renato Soru e Alessandra Todde: botta e risposta al vetriolo sull’incarico in un’azienda del gruppo Tiscali

Soru dice di non averla voluta come ad in una sua società perché non all’altezza, Todde smentisce dicendo di aver rifiutato la proposta

30 gennaio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Si inasprisce il dialogo a distanza tra i candidati governatori alle elezioni regionali del 25 febbraio 2024, ma stavolta non su temi politici. Oggetto della polemica un incarico ad Alessandra Todde in una azienda di Renato Soru, incarico che lei dice di aver rifiutato e lui invece sostiene di non averle proposto per carenza di requisiti constatata dopo un colloquio.

Così Renato Soru: «Sono sbalordito che Alessandra Todde, per affermare la sua competenza per il governo della Sardegna, abbia sentito la necessità di dichiarare pubblicamente che io, nel passato, le avrei chiesto di diventare amministratore delegato di una mia azienda. Come ben sa, con lei, io e il mio socio abbiamo semplicemente fatto dei colloqui di lavoro, al termine dei quali abbiamo ritenuto che non fosse adeguata e non le abbiamo mai formalizzato un offerta di lavoro. Quello che maggiormente mi stupisce è che, dopo anni dalla sua cooptazione in politica, non abbia ancora compreso la differenza tra la gestione di una piccola società privata con 15 dipendenti e il governo di una regione complessa e di una comunità di un milione e 600mila abitanti. Suggerisco ad Alessandra Todde di mettere da parte i curricula professionali, veri o fasulli che siano. Parliamo invece di politica, non continui a scappare dai confronti pubblici».

Non tarda ad arrivare la replica di Alessandra Todde: «Le schermaglie promosse da Soru sono di una tale bassezza che non sarebbero meritevoli di alcun interesse se non per un aspetto, che invece dovrebbe interessare tutti i sardi: Soru sta mentendo e continua da tempo a mentire spudoratamente e senza ritegno. Ha cominciato a mentire sulla genesi della mia nomina come candidata presidente per la coalizione di cui faceva parte, ha continuato mentendo sulle ragioni per cui è saltato il previsto confronto privato a casa sua, ha perseverato col mentire sulle modalità che hanno portato al mancato accordo in occasione del tavolo di conciliazione organizzato dai Progressisti. Ha ancora mentito sul tema delle energie rinnovabili, diffamandomi e facendo allusioni smentite da atti pubblici chiari e inequivocabili e, proprio in questi giorni, ha nuovamente mentito sulle proposte contrattuali che ho da lui ricevuto e sulle sue attestazioni di stima nei miei confronti, delle quali ho evidenza già dal 2017 e che sono state reiterate fino a qualche mese fa. In merito alla sua ultima polemica, potrei pubblicare il carteggio via mail e il testo del contratto che ho ricevuto da lui, così come la mia netta rinuncia, ma la documentazione non la ho solo io. Dovrebbe controllare meglio la sua posta elettronica in uscita e in arrivo prima di fare l’ennesima brutta figura. Non pensavo – dice ancora Todde – che per un uomo tecnologico potesse essere un problema. Infine, mente sui miei titoli e sul mio curriculum, che ben conosce e che farebbe bene a ripassare prima di arrampicarsi in considerazioni-boomerang. Un’ultima riflessione: se Soru mente sistematicamente come ha più e più volte dimostrato di fare in soli pochi mesi, su cos’altro sta mentendo e su cos’altro mentirà? A me sembra tutto molto grave e credo che le sarde e i sardi, quei tantissimi ancora in grado di ragionare con la propria testa – conclude -, saranno d’accordo con me» 

Elezioni regionali 2024

Video

Verso il voto, Elly Schlein a Cagliari al mercato di San Benedetto: "Sanno di aver fatto un disastro e infatti hanno cambiato il candidato"

Le nostre iniziative