La Nuova Sardegna

Il caso

In Sicilia un bonus per volare a prezzi scontati verso tutti gli aeroporti

di Andrea Sini
L'aeroporto di Palermo Punta Raisi
L'aeroporto di Palermo Punta Raisi

La Regione investe 33 milioni contro il caro-tariffe: per i residenti taglio dei prezzi fino a 75 euro

15 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Sassari Molti più abitanti, una minore distanza dalla Penisola, ma sostanzialmente gli stessi disagi legati all’insularità rispetto alla Sardegna. L’altra grande isola, la Sicilia, ha però messo in campo un piano che garantirà ai residenti di godere di uno sconto del 25% sino a un massimo di 75 euro (andata e ritorno) sul prezzo dei biglietti per volare dagli scali siciliani a qualsiasi altro aeroporto italiano. Non solo Roma e Milano, dunque: gli sconti sui biglietti aerei per i residenti in Sicilia saranno estesi a tutte le destinazioni italiane. Già da oggi il bonus per mitigare il caro voli, voluto dal governo Schifani e introdotto lo scorso dicembre, sarà applicato ai collegamenti con tutti gli aeroporti nazionali da tutti gli scali siciliani (Palermo, Catania, Comiso, Trapani, Pantelleria e Lampedusa). Il contributo sarà erogato per i biglietti acquistati anche prima del 15 marzo per i voli effettuati a partire da quella data. La riduzione cresce sino al 50% (sino a un massimo di 150 euro, andata e ritorno) per alcune categorie particolari: gli studenti (senza limiti di età), gli invalidi (soggetti con almeno il 67% di invalidità) e chi ha un reddito basso, ovvero un Isee inferiore a 9.360 euro. Un sistema, quello degli aiuti sociali, non dissimile da quello introdotto in Sardegna, ma da noi lo sconto è destinato solo a studenti fino ai 26 anni e over 65: il singolo contributo va da un minimo di 25 euro a tratta a un massimo di 75. Il costo per le casse dell’istituzione che amministra la Sicilia è di almeno 33 milioni di euro. Finora, sono oltre centomila le richieste di rimborsi arrivate sulla piattaforma online. La grande risposta ottenuta dal bonus contro il caro voli ha convinto così la Regione a estendere il bonus ai collegamenti con gli scali di tutta Italia. L’iniziativa è stata presentata ieri dal presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e dall’assessore regionale alle Infrastrutture e mobilità Alessandro Aricò. «Abbiamo raggiunto un altro risultato importante in favore dei cittadini siciliani – ha detto Schifani – e contro quella politica commerciale degli algoritmi che penalizza gli abitanti della nostra Isola, speculando sulla nostra condizione di insularità. La lotta al caro voli è sempre stata una mia priorità e l’ho dimostrato con i fatti, a partire dalle denunce che hanno avuto il merito indiscusso di porre la questione al centro del dibattito nazionale ed europeo e che hanno convinto il governo Meloni a conferire all'Antitrust maggiori poteri. La nostra è una battaglia giusta e andremo avanti con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione». «Questa misura – ha sottolineato l’assessore Aricò – è una risposta che viene incontro ai viaggiatori residenti in Sicilia per eliminare gli effetti degli aumenti del costo dei biglietti aerei, soprattutto nei periodi più caldi, come sta avvenendo anche per le festività pasquali. Stiamo riscrivendo la storia della mobilità dei siciliani».

Turismo

L'assessore Franco Cuccureddu: la Sardegna vendiamola cara e diciamo grazie a chi spende 100 euro per una pizza

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative