La Nuova Sardegna

La polemica

L’accusa del Daily Mail: «Centenari in Sardegna? Tutto inventato». Durissime reazioni nell’isola

di Giacomo Mameli
L’accusa del Daily Mail: «Centenari in Sardegna? Tutto inventato». Durissime reazioni nell’isola

Il più sorpreso è l’assessore al Bilancio del comune di Perdasdefogu: «Come si fanno e mettere in discussione date di nascita di ultracentenari nel pieno delle proprie facoltà intellettive?»

16 marzo 2024
12 MINUTI DI LETTURA





Perdasdefogu Il più sorpreso di tutti, leggendo sui social il tabloid inglese Daily Mail (“Ma centenari lo sono davvero o è tutto inventato?”), è stato Salvatore Mura, assessore al Bilancio, topo di biblioteca, di archivi di Stato, parrocchiali e diocesani ma soprattutto detentore del Guinnes World Record (quello che, da Londra, ha certificato, per Perdasdefogu, con 112 documenti ufficiali, il doppio record mondiale imbattuto di “Paese dei centenari»”: gli ultracentenari oggi sono 7 su poco meno di 1700 residenti, uno ogni 243 abitanti. Dal 2012 è Perdasdefogu il paese con la “famiglia più longeva al mondo”, quella dei Melis, nove fratelli con 837 anni e 7 giorni.

Mura, 65 anni, pensionato del Ministero Difesa, casca dalle nuvole: «Ma come si fa a mettere in discussione date di nascita di ultracentenari in piene facoltà intellettive? La nostra quercia-super Antonio Brundu, sfuggito nel 1943 alle bombe che avevano distrutto Cagliari, ha compiuto 106 anni proprio lo scorso 12 marzo, con la sorella Maria ho parlato ieri mattina, è nata il 28 gennaio 1920. Loro padre Vittorio, nato l'11 novembre 1885 è morto il 17 dicembre 1988 a 103 anni e 36 giorni e ha sofferto sul Carso i drammi della prima guerra mondiale».

Da Sassari, dove fa l'avvocato, la più giovane della famiglia, Rita Melis: «Mi dispiace che qualche giornale prenda autentiche cantonate». Flavio Cabitza, medico, presidente dell'Associazione per la tutela dell'identità ogliastrina e della Barbagia di Seulo: «Evito ogni commento ma invito tutto il mondo scientifico internazionale all’inaugurazione, a fine maggio, a Perdasdefogu, del Polo di ricerca sulla longevità, parteciperanno non meno di dieci università italiane e internazionali». Ai dubbi del tabloid inglese, con humor tutto foghese, risponde il sindaco Bruno Chillotti: «Non sono né genetista né demografo ma conosco gli archivi anagrafici del mio Comune, nel rispetto della privacy i dirigenti potranno rispondere a tutte le domande dei curiosi d'Oltre Manica. Di veramente blu, a Perdasdefogu come in tutta la Sardegna, c'è il cielo. Limpido».

Ecco il testo integrale dell’articolo del Daily Mail (tradotto con l’intelligenza artificiale).

ANTONI BRUNDU è incredibilmente elegante in una camicia a quadri e un cardigan blu. La sua pelle è liscia, la schiena dritta, i baffi ben curati, e non sembra minimamente stanco dopo le sue celebrazioni di compleanno di ieri.

È stata una festa a base di pizza, mi dice. Ed è stata molto piacevole, anche. Con tutta la sua famiglia e una torta enorme e sfarzosa con la sua età sopra: 106. Quindi è nato nel 1918, quando la Prima Guerra Mondiale era ancora in corso.

Non che lui o chiunque nel suo villaggio natale di Perdasdefogu, un villaggio ridicolmente collinare situato sulla spina dorsale centrale rocciosa della Sardegna, ne faccia molto rumore.

Perché dovrebbero farlo? Vivere a lungo e bene è il superpotere locale qui e i centenari sono all'ordine del giorno. La sorella di Antoni, Maria, ha 104 anni. Suo padre è vissuto fino a 103 anni. Uno dei suoi migliori amici è morto il mese scorso all'età di 103 anni.

Ora vive con sua figlia a Cagliari, ma lungo la strada dove è cresciuto, Gildo Mancosu (102), Efisia Furcas (103) e Spano Vittorio (103) sono ancora tutti in ottima forma.

Infatti, ci sono così tanti centenari - come li chiamano - che, appesi al muro del parrucchiere locale, c'è un grande calendario lucido in bianco e nero con alcuni dei residenti più venerabili della città.

Quattro donne e tre uomini (tra cui Antoni, con il suo cappello ben saldo in testa) tutti incredibilmente svegli, considerando che molti sono nati prima del primo volo transatlantico. Specialmente Lai Pia, che con la sua folta chioma di capelli gialli e il sorriso smagliante sembra appena ottantenne. In realtà ha 102 anni.

Nel 1990, i ricercatori hanno documentato un'incidenza sproporzionatamente alta di centenari nei villaggi montani aspri della Sardegna, che non solo vivevano più a lungo, ma meglio. Niente accasciarsi su poltrone con lo schienale alto: vivevano indipendentemente, socializzavano, facevano la spesa, cucinavano, lavoravano nei giardini, camminavano per le colline, ben oltre i loro 90 e 100 anni.

Ancora meglio, si è scoperto che non era solo la Sardegna. Perché nel 2005, in collaborazione con National Geographic, l'esperto di longevità Dan Buettner ha identificato altre quattro regioni dove i residenti godono di salute e longevità eccezionali. Erano Nicoya in Costa Rica, Okinawa in Giappone, Icaria in Grecia e Loma Linda in California.

Buettner li ha chiamati Blue Zone - dal nome delle macchie blu originariamente utilizzate per segnare i villaggi sardi su una mappa - e, beh, le cose hanno preso piede.

Da allora, siamo ossessionati dai Blue Zoners: il loro stile di vita, la loro dieta, i loro schemi di sonno, le loro comunità, il loro modo di vivere - persino la loro vita sessuale.

Perché ci danno tutta la speranza che, se beviamo abbastanza olio d'oliva e mangiamo abbastanza verdure bollite, camminiamo su e giù per qualche collina e abbandoniamo per un po' i nostri schermi, potremmo vivere tanto a lungo quanto loro.

Oggi, l'industria dei "Blue Zone" dal valore di milioni di dollari abbraccia tutto, dal turismo alle diete, dai libri di cucina ai caffè, dai podcast ai documenti accademici e, di recente, una serie Netflix in quattro parti.

Ci sono stati infiniti articoli accademici, studi e articoli di giornale - uno dei quali è il mio, proveniente da Icaria in Grecia - che raccontano storie entusiasmanti su ciò che questi anziani vivaci e brillanti fanno, bevendo, ballando, vivendo bene, avendo vite amorose sorprendentemente allegre fino ai loro 90 anni.

Quindi è stato abbastanza uno shock all'inizio di questo mese sentire il dottor Saul Newman, un accademico presso il Leverhulme Centre for Demographic Science dell'Università di Oxford, insistere sul fatto che le Blue Zone sono solo una sciocchezza o "spazzatura statistica".

E ancora peggio, che molti degli anziani delle Blue Zone potrebbero essere decenni più giovani di quanto si sostiene.

Alcuni, dice, soprattutto in Giappone, hanno truffato il loro sistema pensionistico per anni. Molti non hanno mai avuto un certificato di nascita o lo hanno perso anni fa e ora stanno solo indovinando. "Perché pensi che così tanti sembrino nati il primo giorno del mese?" dice.

Ecco perché sono qui in Sardegna, nel cuore del territorio delle Blue Zone, preparandomi a fare alcune domande imbarazzanti.

Chiaramente, la famiglia di Antoni è già passata per questo, perché non appena accenno all'"evidenza", sua figlia Beatrice (79 anni, ma sembra 60) estrae una copia gigantesca e plastificata del suo registro di battesimo dalla chiesa locale e mi ricorda che è nel calendario ufficiale di Perdasdefogu. E sembra che sia tutto lì.

Quindi passiamo in sicurezza ai suoi migliori consigli per uno stile di vita lungo - carne di capra, formaggio, vino, acqua, carte ("giocavo per il vino, ero molto bravo!"), amici, famiglia e duro lavoro all'aperto.

Condivide anche con me una ricetta molto complicata di formaggio e mi racconta che i villaggi lo chiamano "pistola", perché era sempre a caccia.

La portata della sua vita è straordinaria. Lui e sua moglie Gemma (morto a 92 anni) hanno avuto cinque figli e hanno lottato durante gli anni di Mussolini.

"Tante regole. Era difficile. Ma allora sapevamo cosa era buono e cosa era cattivo. Oggi, la gente fa solo quello che vuole."

Anche se scommetterei la mia casa che Antoni è genuino, l'attacco di Newman è estremo. In realtà, sminuisce tutto riguardo alle Blue Zone, a cominciare da Buettner.

"Non è uno scienziato. Non è un esperto medico."

In Giappone, dice Newman, c'era un sistema di auto-segnalazione per le nascite e le morti. "Un'indagine in Giappone ha scoperto che l'80 per cento delle persone presumibilmente oltre i 100 anni erano morte. Semplicemente non esistono," dice. "Molti sono morti nella Seconda Guerra Mondiale."

E in Costa Rica, dice, la Blue Zone si è spostata. "Originariamente erano due zone. Poi, un paio di mesi fa, hanno deciso che una si era ridotta del 90 per cento e l'altra si era spostata all'estremità opposta del paese, a 300 km di distanza!"

Anche la Sardegna riceve critiche pesanti. Non ultimo perché la ricerca originale, da cui è tutto derivato, attribuiva la longevità dei villaggi ai terreni montuosi e all'incesto!

L'altra cosa che davvero infastidisce Newman è il denaro. Perché le Blue Zone sono un grande affare. Mi dice che i certificati vengono venduti tra 3 e 40 milioni di dollari l'uno da Adventist Health - a cui Buettner ha venduto l'organizzazione delle Blue Zone, che promuove la longevità e il benessere della comunità, nel 2020 - a, beh, un po' di posti.

Singapore è uno degli ultimi stati ad ottenere lo status di Blue Zone.

"Singapore!" esclama Newman. "Non avevano certificati di nascita fino al 1938, quindi come possono dire di avere una percentuale più alta di centenari rispetto altrove nel mondo?"

Anche se qualcuno sta chiaramente guadagnando molti soldi, non sono le ragazze e i ragazzi del calendario a Perdasdefogu. O nel comune di Villagrande Strisaili, un altro hotspot collinare di longevità, dove vive Usunta Floreddu, una vedova incredibilmente piccola di 96 anni con una voce chiara e alta. Quando le chiedo cosa ne pensa di vivere in una Blue Zone e di aver ispirato milioni di persone in tutto il mondo, Usunta rotola gli occhi e sghignazza.

"Blue Zone! Non ne ho mai sentito parlare. Sembra un virus brutto! Non mi piace per niente."

Non è nemmeno molto impressionata quando le chiedo se ha davvero 96 anni. Anche se, a essere onesti, è così scattante e vivace che potrebbe sembrare 20 anni più giovane.

"Penso di conoscere la mia età!" dice con fermezza. "Sono nata il 6 maggio 1927."

E con questo, saltiamo rapidamente ai suoi consigli di vita, che includono due bicchieri di vino al giorno (uno con il pranzo, uno con la cena), abbondante minestra di verdure e camminare sempre - su e giù per le colline. "Se vivi davanti a un computer, guardando schermi, guardando Netflix, morirai prima. Devi muovere il tuo corpo. Esci," dice.

È superfluo dire che Buettner e i Blue Zoners non danno peso alle critiche di Newman, sostenendo che sono così ridicole da non valere la pena di considerarle.

Non è mai stato in una Blue Zone, affermano, anche se Newman mi dice che è stato in Italia due volte l'anno scorso. E sembra strano che, dopo tutto questo tempo, Newman sia stato praticamente l'unico a dissentire, o una "eco di una sola voce", come lo definisce Buettner.

"National Geographic, che è molto attento e accurato nel verificare i fatti, ha verificato esaurientemente tutti i miei articoli," aggiunge. Qui in Sardegna, anche i funzionari non sono felici. Non solo perché lo status di Blue Zone è eccellente per il turismo, l'economia e l'autostima generale, ma perché i sardi sono appassionati di documentare nascite e morti.

Il dottor Paolo Filigheddu PhD è il portavoce dell'Archivio della diocesi di Tempio-Ampurias e insiste sul fatto che dimostreranno tutte le età qui, se il dottor Newman volesse fare un viaggio.

"Riguardo alle sue perplessità, siamo disposti ad invitarlo qui in Sardegna per vedere con i suoi occhi le nostre ricerche dagli archivi ecclesiastici dal 1559 e dagli archivi civili dal 1861," dice.

Anche se tutti sembrano più giovani della loro età - anche la pronipote di Antoni, Francesca Atzeni, sembra avere 15 anni, quando ne ha 28 - non sento alcuna truffa qui.

Ma anche se ci fosse un piccolo trucco riguardo alle date, c'è molto che possiamo imparare da questi anziani.

Non solo sui benefici di una dieta principalmente a base di piante di cibi non trasformati e di ottenere abbondante esercizio aerobico.

Ma sulla forza e la resistenza e la resilienza nei tempi di estrema povertà e dolore.

Perché mentre vivere fino a 110 anni è probabilmente brillante se balli e bevi e giochi a carte fino a mezzanotte con tutti i tuoi amici centenari, non è la stessa cosa per tutti. Molti di questi villaggi sardi hanno avuto vite incredibilmente dure e lunghe.

La vita di Antoni è stata dominata da un lavoro duro - dall'allevamento di capre e abbattimento degli alberi fino a posare alcune delle prime strade reali della Sardegna.

"Ho lavorato molto duramente per sfamare la mia famiglia. Tutti quegli anni fuori sotto la pioggia - ora lo sento nelle mie ossa," dice.

"Il tormento della vita è duro. Devi essere forte. Ho visto troppe guerre. Se potessi mettere insieme tutti i presidenti del mondo e decidere di fermare tutte le guerre." Ha avuto solo due anni di scuola, non è mai viaggiato e ha lavorato instancabilmente sulla terra fino a 96 anni, quando la sua vista ha cominciato a fallire.

"Preferirei ancora lavorare, ma i miei figli non me lo permetteranno," dice. "Quindi ora sto aspettando che Dio mi venga a prendere e mi porti in paradiso."

Anche Usunta, nonostante il suo sguardo vivace, non ha avuto vita facile. Figlia di pastori di capre, si è sposata con Mario, un bel pompiere.

"Tutti lo amavano," dice. Eravamo molto felici," dice.

Ma dopo solo dieci anni, è stato ucciso in un incendio, e lei si è ritrovata con quattro figli piccoli e senza soldi. "Dovevo lasciarli a casa con Dio quando uscivo a lavorare," dice.

Oltre a Mario, ha perso i suoi due figli, di 44 e 50 anni.

Nonostante tutto ciò, la sua vista è l'unica cosa che sta fallendo.

"Ho pianto troppo nella mia vita e quindi ora non vedo molto bene," dice. "Ho vissuto le due stagioni. Ho avuto i bei tempi e i tempi molto brutti. Devi essere forte per vivere così a lungo - nel cuore e nello spirito."

Di nuovo, se Usunta non ha 96 anni, mangerò il mio cappello. Ma prima di andare via, affronto il suo sguardo molto acuto un'ultima volta e le chiedo se conosce qualcuno che mente sull'età.

"Certo!" dice.

"Alcune persone diranno sempre di essere più giovani di quanto sono. Ma ci sono anche alcuni che dicono di essere più vecchi," aggiunge con un sorriso malizioso.

"Non dirò i nomi, ma ci sarà sempre un po' di competizione per essere il più anziano, ma sembrare molto più giovane. Ma nessuno lo ammetterà mai."

E, beh, forse questo aiuta a spiegare un po' di tutto ciò.

In Primo Piano
L’intervista

L’assessore regionale Franco Cuccureddu: «Possiamo vivere di turismo e senza abbassare i prezzi, inutile puntare solo su presenze e grossi numeri»

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative