La Nuova Sardegna

Imprese

Clerici sbarca in Sardegna e acquisisce Mara, la famiglia Cavalieri resta al timone dell’azienda

Clerici sbarca in Sardegna e acquisisce Mara, la famiglia Cavalieri resta al timone dell’azienda

Con l’ingresso nell’isola il gruppo bresciano si espande ulteriormente

14 giugno 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Milano Clerici - punto di riferimento del mercato italiano nella distribuzione di prodotti idrotermosanitari e arredobagno - ha portato a termine l’acquisizione del 100% del capitale sociale di Mara Spa, importante realtà nell’isola per l’arredo bagno, gli impianti elettrici e termoidraulici. Con sede centrale a Sassari, Mara Spa conta 3 punti vendita dell’insegna Mara Home Experience (con showroom a Sassari, Alghero e Olbia), impiega oltre 50 dipendenti e nel 2023 ha superato i 30 milioni di euro di fatturato. Marco Cavalieri mantiene la carica di Amministratore Delegato di Mara Spa e guiderà l’azienda insieme alla sorella Sara.

L’operazione rappresenta per Clerici - la cui sede centrale si trova a Brescia – la prima acquisizione in Sardegna e la tredicesima negli ultimi cinque anni. Attraverso un modello di business costruito su una presenza capillare nel territorio, insieme a una politica di acquisti selettivi di realtà con una clientela già fidelizzata, Clerici ha progressivamente ampliato l’offerta di prodotti e la copertura geografica, arrivando fino al centro Italia ed ora anche nelle isole, per un totale di 18 insegne in 10 regioni e oltre 120 punti vendita.

Nata nei primi anni ‘60 come “Boni e Frigieri” in un piccolo locale alle porte di Sassari, l’azienda negli anni Novanta è stata rilevata in un momento difficile da Mara Boni che insieme al fratello e, in un secondo momento, ai figli, dopo averla risollevata ha ampliato il business inserendo settori differenti che oggi hanno raggiunto un peso importante sul fatturato complessivo anche grazie all’apertura di due filiali nel nord Sardegna. Sacrificio, impegno e passione hanno consentito a Mara Spa di affermarsi in un territorio complicato da raggiungere e conquistare, e nel suo trentesimo anniversario di entrare nel perimetro di Clerici.

«Questa acquisizione rappresenta un momento chiave nella nostra strategia - sottolinea il Presidente di Clerici Paolo Clerici. Entra a far parte del nostro gruppo una della realtà del territorio più rilevanti in termini di fatturato e di dimensioni, che ci consente di fare il nostro ingresso in un’area dal grande potenziale come la Sardegna. Si tratta della prima acquisizione di un anno molto significativo per noi in termini di espansione: il nostro progetto di crescita a livello nazionale prosegue e siamo pronti a cogliere nuove opportunità anche nei prossimi mesi del 2024».

«Entrare a far parte di Clerici rappresenta per noi una grande opportunità di sviluppo per i prossimi anni – dichiara Marco Cavalieri, che mantiene il ruolo di Amministratore Delegato di Mara Spa e guiderà l’azienda insieme alla sorella Sara. L’operazione ci consente di affrontare con fiducia le prossime sfide che il mercato ci pone: in continuità con la storia dell’azienda, manterremo il nostro DNA territoriale ma potremo contare sulla forza e le dimensioni di uno dei maggiori player italiani. Il sogno di mia madre Mara e della mia famiglia continua, ed è destinato a crescere ancora».

Con questa operazione si conferma il trend di espansione di Clerici, il cui core business è costituito principalmente dalla vendita a clientela professionale come installatori idraulici ed imprese edili, che contribuiscono circa all’80% dei ricavi complessivi del gruppo, mentre il restante 20% è costituito dal segmento dell’arredobagno rivolto alla clientela privata, un settore che negli ultimi anni ha visto una crescente espansione.

Nel 2023 Clerici ha registrato un fatturato pari a 785 milioni di euro, in miglioramento del 2,4% rispetto ai 767 milioni di euro realizzati nell’esercizio precedente. Dal punto di vista della redditività, l’Ebitda si è attestato a 142 milioni di euro, (138 milioni nel 2022), con un’incidenza pari al 18,1% del fatturato mentre l’utile netto è stato di 77 milioni di euro.

In Primo Piano
Il caso

Riprendono le ricerche di Francesca Deidda: dopo il ritrovamento di accappatoio e byte dentale nella zona di San Vito in azione i sommozzatori

di Luciano Onnis
Le nostre iniziative