Un pieno di solidarietà al teatro Verdi

Successo per gli spettacoli a sostegno dell’associazione Mariangela Pinna per la lotta al cancro

SASSARI. “Unisciti a noi in un trionfale inno alla vita”, fa il pieno di solidarietà al teatro Verdi. Bello spettacolo, mormorava qualcuno, anzi no, doppiamente bello perché, ancora una volta, la voglia di aiutare gli altri e di sostenere la vita ha coinvolto ogni singola persona in questo bellissimo disegno di solidarietà. Soddisfatti gli organizzatori, le Polisportive Giovanili Salesiane e l’Associazione di Oncoematologia “Mariangela Pinna” alla quale sarà destinata una parte del ricavato della serata. Sono da poco le 20 quando il trio dei simpatici presentatori, Rosella Lombardi, Maria Grazia Alicicco e Marco Pintus, cede il palco ai ballerini della scuola Danza Estemporada che con la loro esibizione si guadagnano i lunghi applausi di un pubblico generoso. Dalla danza contemporanea alle musiche della Bau Bau orchestra diretta da Mauro Aresu per poi godere della performance dei Fortyfive e di Antonio Pazzola, oncologo e segretario tesoriere dell’associazione benefica. Il camice di medico e la voce impostata dietro a un microfono che fanno a turno e si completano, senz’affanno, su pezzi di Eric Clapton, Bob Dylan e una bella rivisitazione di “Badde Lontana” dei Bertas. E poi arrivano loro, “i figli degeneri del teatro dialettale sardo”, a portare una ventata di freschezza e tante risate: sono il gruppo teatrale dei Lapola che con Massimiliano Medda, hanno onorato un appuntamento caro al pubblico sassarese. Tanto umorismo ruspante con l’immancabile sindaco di “Scraffingiu” e con “Don Gino”, lo strampalato sacerdote del gruppo di comici cagliaritani. E poi ancora tanta musica con le esibizioni dei Doc Sound, Word Beat e i New Sound con “Testarda io”, “Pugni chiusi” e “Sapore di Sale”. Sono le ventidue quando arriva il momento della pausa. Questa volta gli organizzatori hanno deciso di coinvolgere gli studenti dell’Alberghiero che si sono prestati a servire quasi trecento porzioni di gnocchetti alla Campidanese preparati dal ristorante Parco di Monserrato. Un’idea che ha riscosso un grande successo e tanti bis di pasta fumante. Si ritorna in sala per la seconda parte dello spettacolo: qualcuno sonnecchia sulla poltrona ma le performance del corpo di danza “Gran Ballo New Dance” contribuiscono a ravvivare gli animi di chi ora, con gli applausi, accompagna le esibizioni di latino americano, valzer, pasodoble e rumba. Grazie a spettacoli come questo l’associazione Mariangela Pinna, guidata da Antonio Contu, può proseguire nelle sue preziose attività tra cui l’attivazione dello sportello di psiconcologia, il laboratorio di bellezza e di ginnastica oltre al finanziamento delle borse di studio per tre medici oncologi, un ematologo, una psicologa e due Data Manager per coordinare al meglio la gestione degli studi clinici.

Daria Pinna

WsStaticBoxes WsStaticBoxes