Riapre in anticipo la mensa universitaria

L’Ersu ha anche ospitato un team di docenti stranieri che hanno studiato il paesaggio insulare

SASSARI. L'Ersu di Sassari ha riaperto nei giorni scorsi con largo anticipo rispetto agli anni passati il servizio ristorazione nella mensa di via Padre Manzella operativa dal lunedì al sabato nei consueti orari (pranzo dalle ore 12,30 alle ore 14,30 cena: dalle ore 19,30 alle ore 21). L'iniziativa si è concretizzata parallelamente all'avvio di una nuova attività di turismo universitario estivo inaugurata dall'ente che in questi giorni ha ospitato, nelle proprie strutture, un gruppo di docenti e studenti provenienti da università italiane e straniere. Il team di studio di cui fa parte anche l'università di Sassari si occupa di considerare i paesaggi delle isole europee come parte peculiare ed integrante del patrimonio culturale del continente. «Il principale obiettivo dell'Esland Project - dice Gloria Pungetti dell'università di Venezia - è di aumentare la considerazione del patrimonio culturale dei paesaggi delle isole europee di diverse dimensioni. Perciò, il progetto intende descrivere la storia, l'identità e le attuali condizioni dei paesaggi insulari per i quali creare uno scenario di sviluppo culturale e sostenibile». Coordinatore del progetto è l'università Iuav di Venezia, gli altri partner accanto all'università di Sassari sono: università di Cambridge, dell'Estonia, di Cipro, della Croazia, La Sapienza di Roma e di Copenhagen. «È stata per noi una grande opportunità -prosegue Pungetti- quella di poter utilizzare, in questo periodo dell'anno, le efficienti strutture dell'Ersu dove abbiamo non solo alloggiato ma svolto anche gli incontri di studio e utilizzato i servizi ristorazione per tutto il periodo di soggiorno. Abbiamo potuto così concretizzare un'importante tappa del nostro lavoro che prevedeva una ricerca sulle tradizioni culturali della città di Sassari e del suo territorio. I docenti e gli studenti stranieri hanno potuto inoltre conoscere e apprezzare anche le tradizioni culinarie dell'isola grazie al menù della mensa Ersu ricco di ricette locali». I risultati del percorso di studio saranno presentati prossimamente attraverso mostre e pubblicazioni. «Questa iniziativa di successo – affermano dall’Ersu –conferma la validità del progetto sul turismo universitario che l'Ersu vuole attivare in maniera sempre più articolata nelle proprie strutture aprendole ad iniziative analoghe all’Esland project».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes